AllianzGI: variante Delta e inflazione spaventano i mercati

1' di lettura

Allianz Global Investors vede effetti limitati sulla crescita nelle economie avanzate e sottolinea la tolleranza delle banche centrali sull’aumento dei prezzi ma alcuni indicatori segnalano sentiment in deterioramento

I mercati azionari e delle commodity internazionali sono stati sotto pressione a inizio settimana, mentre il rendimento del Treasury a 10 anni è sceso ai minimi da febbraio. Gli investitori sono preoccupati per la variante Delta, soprattutto dove i tassi di vaccinazione sono bassi come nel Sud-Est asiatico. Gli effetti negativi sulle economie avanzate dovrebbero essere limitati, ma anche l’inflazione potrebbe alimentare i dubbi circa la sostenibilità della ripresa. Molte banche centrali tuttavia seguono ancora l’esempio della Fed
e tollerano pressioni ‘transitorie sui prezzi’.

DETERIORAMENTO DEL SENTIMENT

Nel suo weekly outlook dal titolo “Timori per la variante Delta”, Stefan Scheurer, Director Global Capital Markets & Thematic Research di Allianz Global Investors ritiene che i mercati continueranno a monitorare la variante Delta con dubbi in aumento che possa rappresentare una minaccia per la ripresa. L’esperto di AllianzGI segnala al proposito che di recente il rapporto put-call sul mercato delle opzioni ha toccato i massimi da metà maggio e cita il deterioramento del sentiment rilevato dall’indagine più recente dell’American Association of Individual Investors in cui i “tori” sono scesi di oltre il 10% nelle scorse due settimane al 36%, in linea con la media a 10 anni, anche se gli indicatori tecnici mostrano già una situazione di ipervenduto in alcuni segmenti…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.