Robinhood, 62% dei ricavi crypto da Dogecoin nel 2° trimestre

È quanto comunicato nel primo report trimestrale da quando la società è quotata in Borsa

Robinhood, 62% dei ricavi crypto da Dogecoin nel 2° trimestre
2' di lettura

La piattaforma di trading online Robinhood Markets Inc. (NASDAQ:HOOD) ha dichiarato che nel secondo trimestre la criptovaluta meme Dogecoin (CRYPTO:DOGE) ha rappresentato il 62% dei suoi ricavi basati su transazioni di criptovaluta.

Cosa è successo

Robinhood, che mercoledì ha annunciato i suoi primi risultati degli utili come società quotata in Borsa, ha affermato che nel secondo trimestre i ricavi da criptovalute sono aumentati a 233 milioni di dollari, in netto rialzo dai 5 milioni riportati nello stesso periodo dell’anno scorso, e che hanno rappresentato quasi il 52% dei ricavi basati su transazioni.

Nel secondo trimestre il 62% dei ricavi di Robinhood basati su transazioni di criptovaluta proveniva da Dogecoin, rispetto al 34% del trimestre precedente.

Robinhood, inoltre, ha osservato che nel secondo trimestre una quota maggiore di nuovi clienti ha effettuato la sua prima operazione in criptovaluta piuttosto che in azioni.

Perché è importante

I risultati trimestrali di Robinhood mostrano che quest’anno la società ha beneficiato immensamente dell’aumento di popolarità di Dogecoin.

In effetti, Robinhood ha evidenziato la propria dipendenza da Dogecoin, avvertendo che la sua attività potrebbe essere influenzata negativamente qualora i mercati di Dogecoin si deteriorassero o se il prezzo della criptovaluta diminuisse.

La piattaforma di trading ha incassato un numero sempre crescente di richieste affinché permetta agli utenti di possedere portafogli in Dogecoin; il CEO Vladimir Tenev ha affrontato la questione durante la chiamata degli utili, affermando che è qualcosa su cui stanno lavorando i nostri team, ma ha definito tale decisione “impegnativa”.

“Offrire portafogli cripto e la possibilità di depositare e prelevare criptovalute è difficile da fare su larga scala, vogliamo assicurarci che sia fatto correttamente e adeguatamente”, ha detto Tenev durante la chiamata; “e vogliamo assicurarci che tutto, dal punto di vista della sicurezza e delle operazioni, sia il più inattaccabile possibile, perché il nostro valore principale è la sicurezza prima di tutto”.

I guadagni da inizio anno di Dogecoin si attestano ad uno straordinario 5.272,9%, tuttavia la coin a tema Shiba Inu è attualmente in ribasso del 59,2% dal massimo storico di 0,7376 dollari raggiunto a maggio.

Dogecoin è attualmente al settimo posto fra le maggiori criptovalute al mondo, con una capitalizzazione di mercato di quasi 40 miliardi di dollari, secondo i dati CoinMarketCap.

Movimento dei prezzi

Al momento della pubblicazione, Dogecoin era in rialzo giornaliero del 4,2% a 0,3054 dollari.

Leggi anche: Bitcoin ed Ethereum piatti, sale Dogecoin, balzo di Terra

Foto per gentile concessione di Robinhood