Xiaomi, chiarezza normativa per includere cripto in India

Xiaomi è aperta all'inclusione delle criptovalute nei propri servizi finanziari, ma solo dopo che ci sarà chiarezza sul contesto normativo

Xiaomi, chiarezza normativa per includere cripto in India
2' di lettura

Cosa è successo

La multinazionale dell’elettronica Xiaomi Corp (OTCMKTS:XIACF) è aperta all’inclusione di criptovalute nella sua attività di servizi finanziari, ma solo dopo che avrà le idee chiare sul contesto normativo.

Manu Kumar Jain, managing director di Xiaomi India, ha rivelato all’Economic Times che il business dei servizi finanziari dell’azienda si avventurerà nel settore cripto solo dopo aver compreso meglio le modalità attraverso cui conformarsi alle leggi locali in India.

“Vogliamo attendere tutti gli aspetti normativi. Naturalmente, le criptovalute sono un’area estremamente interessante, sono la parola d’ordine del momento e stanno andando incredibilmente bene.” “Ma – ha affermato – “vorremmo capire di più sul fronte della regolamentazione”.

Perché è importante

L’attività di servizi finanziari di Xiaomi è cresciuta del 95% durante i primi tre mesi dell’anno rispetto agli ultimi tre del 2020.

In effetti, adesso l’attività include uno spettro completo di servizi di pagamento, prestito e assicurazione. La piattaforma di prestito facilita anche i prestiti alle imprese e si prevede che verranno lanciati prestiti d’oro nel prossimo futuro.

Secondo Jain, il business adesso è talmente grande che non può più essere considerato un sottoinsieme di quello dei servizi Internet di Xiaomi.

“Non si tratta più di un sottoinsieme perché è abbastanza grande. A Hong Kong, in India e in Cina, in vari altri luoghi, è abbastanza grande da essere un’attività indipendente”, ha affermato Jain.

Intanto, l’adozione di criptovalute in India è in costante aumento. L’India si è classificata al terzo posto nell’elenco di Finder che riporta i paesi con il più alto tasso di adozione.

Il rapporto di Finder ha rilevato che il 30% dei cittadini del paese possiede un dato numero di criptovalute. Tuttavia, al momento della stesura dell’articolo il Cryptocurrency and Regulation of Official Digital Currency Bill del 2019 deve ancora essere approvato per poter essere introdotto in Parlamento.