2021 e la morte del contante: OLB e le altre fintech

Ecco un confronto fra OLB Group e altre realtà quotate in Borsa che operano nel settore dei pagamenti digitali 

2021 e la morte del contante: OLB e le altre fintech
3' di lettura

Ogni momento che abbiamo trascorso collettivamente a casa nell’ultimo anno è stato senza dubbio legato all’accelerazione dell’economia online.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Trascorrere maggior tempo davanti allo schermo ha infatti comportato un incremento dello shopping online, al ritmo di un aumento globale di 26.700 miliardi di dollari nell’e-commerce; non sorprende dunque apprendere che recentemente le società di pagamento FinTech abbiano dominato il settore bancario. Man mano che un maggior numero di persone si connette, sia gli esercenti che i consumatori cercano costantemente modi più sicuri e più facili per impegnarsi nella transazione di beni e di servizi.

Non è un mistero che nel 2021 questo software sia stato sempre più sui radar degli investitori: sebbene molte di queste società di pagamento FinTech siano quotate in Borsa, il peso massimo in questo settore è Stripe, una società ancora non quotata. A marzo Stripe ha raccolto 600 milioni di dollari, portando la sua valutazione a 95 miliardi e rendendola una delle maggiori compagnie unicorno non quotate in circolazione.

Comunque, ci sono altri attori quotati in Borsa all’orizzonte, fra cui OLB Group, Inc (NASDAQ:OLB). Nell’ultimo anno OLB Group ha elaborato 775 milioni di dollari in transazioni per oltre 8.500 commercianti, generando ricavi per 10,21 milioni di dollari; l’attuale capitalizzazione di mercato di OLB Group è di 27,2 milioni di dollari, con un multiplo prezzo/vendite molto modesto di 2,66 volte.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Diamo un’occhiata ad alcuni degli attori di minori dimensioni quotati in Borsa e confrontiamo le valutazioni essenziali con quella di OLB Group:

Elenco dei competitor di OLB Group, Inc

GreenBox Pos (NASDAQ:GBOX) sviluppa, commercializza e vende soluzioni di pagamento innovative basate su blockchain, che offrono miglioramenti significativi per il mercato delle soluzioni di pagamento.

Shift4 Payments, Inc (NYSE:FOUR) offre ai fornitori di software un’unica integrazione per un’offerta di pagamento completa, un potente gateway e un solido pacchetto di soluzioni tecnologiche (fra cui abilitazione al cloud, business intelligence, analisi e dispositivi mobili) per migliorare il valore delle sue suite software e semplificare l’accettazione dei pagamenti.

i3 Verticals Inc (NASDAQ:IIIV) offre soluzioni software e di pagamento integrate a piccole e medie imprese e ad organizzazioni in mercati verticali strategici come scuole, settore pubblico, organizzazioni no-profit e sanità.

Paya Holdings Inc (NASDAQ:PAYA) elabora i pagamenti tramite carte di credito e di debito, trasferimenti ACH e soluzioni di elaborazione dei pagamenti con assegni; l’azienda offre servizi ai suoi clienti attraverso circa 2.000 partner di distribuzione che si concentrano su settori verticali come sanità, istruzione, organizzazioni no-profit, governo, servizi pubblici e altri modelli business-to-business.

OLB Group, Inc (NASDAQ:OLB) è una FinTech che fornisce soluzioni di omnicommerce e di accettazione pagamenti basate su cloud. Grazie ai servizi SecurePay™ ed eVance, la società fornisce ai clienti una soluzione di elaborazione dei pagamenti che aiuta le aziende a creare un gateway di pagamento; inoltre, il suo terminale virtuale dispone di vari strumenti gestionali e di business rivolti a esercenti di piccole e medie dimensioni. OLB gestisce anche ShopFast, una piattaforma omnicanale che consente ai consumatori di acquistare beni dai siti web delle aziende cliente in diversi settori. Recentemente OLB ha annunciato che DMint, Inc., una consociata interamente controllata, quest’anno prevede di rendere operative circa un migliaio di macchine per il mining di criptovaluta gestite da data center a zero emissioni di CO2, una decisione che sembra in linea con il loro portafoglio di sistemi cashless.

Con la costante transizione dai sistemi di pagamento basati su contante, sia online che in negozio, questo settore in continua evoluzione sarà sicuramente da tenere d’occhio.