Borse europee in rosso in attesa della Fed e con effetto Evergrande dalla Cina

1' di lettura

I listini europei aprono con perdite intorno all’1,5% nella settimana della Federal Reserve, chiamata a decidere sull’inizio del tapering. In Asia male Hong Kong dopo il crollo di Evergrande (-15%)

Partenza in rosso per i listini europei in attesa del meeting della Fed di martedì e mercoledì. A Piazza Affari, dove comincia anche la settimana dello stacco delle cedole (parte Eni) l’indice Ftse Mib perde in avvio 1,5 punti percentuali. Sulla stessa lunghezza d’onda anche Dax (Francoforte) e Cac40 (Parigi) mentre Londra è in rosso dello 0,9%.

CASO EVERGRANDE

Sono due gli eventi che gli investitori europei stanno seguendo in questa prima seduta settimanale. Il primo è il caso Evergrande, che finora sembra essere circoscritto all’economia cinese. Con le Borse di Shanghai e Tokyo chiuse per festività, a pagare il conto del -15% registrato dal colosso immobiliare è la Borsa di Hong Kong, che nella mattinata europea perde poco meno del 4%. Tuttavia, come spiegato meglio in questo articolo, il caso Evergrande sembra essere molto diverso da altri crack che poi hanno avuto ripercussioni a livello globale…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.