Crisi Evergrande sfocerà in un collasso alla Lehman Brothers?

Ecco le analisi di Ryan Detrick, Chief Market Strategist di LPL Financial, e di Louis Navellier di Navellier & Associates

Crisi Evergrande sfocerà in un collasso alla Lehman Brothers?
3' di lettura

La crisi di liquidità che ha travolto la società immobiliare cinese China Evergrande Group (OTC:EGRNY) ha causato un effetto domino.

Un sell-off iniziato nel settore immobiliare in Cina si è diffuso nel mercato generale del Paese e ha poi pervaso il resto dei mercati globali.

LPL non prevede una Lehman Brothers cinese

I timori di un contagio hanno innescato uno scenario di rischio sistemico, simile a quello che ha attraversato l’ormai inesistente Lehman Brothers circa 13 anni fa, ha affermato Ryan Detrick, Chief Market Strategist di LPL Financial.

Con oltre 300 miliardi di dollari di passività e solo 15 miliardi di dollari di liquidità disponibile, Evergrande è la società immobiliare più indebitata al mondo, ha osservato l’analista; sembra che la società non sarà in grado di pagare gli 84 miliardi di dollari di interessi dovuti, oltre al mancato pagamento del capitale su almeno uno dei suoi prestiti, ha dichiarato l’analista, citando Bloomberg.

Con il governo cinese che non mostra alcuna intenzione di salvare la compagnia, ora Evergrande ha rivolto la propria attenzione alle banche e ad altri creditori per ridurre l’impatto di un default, ha detto Detrick.

La scorsa settimana Evergrande ha sospeso le negoziazioni delle sue obbligazioni societarie onshore, avvicinandosi sempre di più alla ristrutturazione o al default, ha proseguito l’analista.

Nonostante la tetra situazione intorno a Evergrande, Detrick non vede l’azienda come una versione cinese della Lehman Brothers.

Infatti, la maggior parte del debito di Evergrande è in fondi comuni di investimento globali, in ETF e in alcune società cinesi, non in banche o in altre importanti istituzioni finanziarie, ha spiegato Detrick.

Al contrario, Lehman Brothers era detenuta su quasi tutti i book delle altre istituzioni finanziarie, dunque non verranno colpiti così tanti soggetti istituzionali come al tempo della Lehman, ha aggiunto Detrick.

In secondo luogo, l’analista ha affermato che le probabilità che venga coinvolto il governo comunista cinese in caso di default sono alte; infine, Evergrande ha beni materiali che possono essere venduti per saldare gli obblighi finanziari, diversamente dalla Lehman che non aveva beni immobili da vendere, ha detto l’analista.

“Finora i mercati dei finanziamenti a breve termine si stanno comportando bene in Cina. Ricordate: sono stati i mercati monetari degli Stati Uniti che hanno iniziato a mostrare crepe nel sistema all’inizio del 2008, ben prima che le cose si mettessero male”, ha dichiarato Detrick.

Per Navellier la Cina è vicina alla recessione

Non si prevede che i timori di un contagio di Evergrande si diffondano negli Stati Uniti, ma ora la Cina è pericolosamente vicina a scivolare in una recessione, ha affermato in una nota Louis Navellier, presidente e fondatore di Navellier & Associates.

“Poche settimane fa il mercato cinese delle obbligazioni spazzatura ha iniziato a vacillare, e l’indebitatissima Evergrande rappresenta solo l’ultimo ‘crack’ mentre le società finanziarie cinesi iniziano a ridurre l’indebitamento”, ha affermato il gestore di fondi.

In nessun caso Evergrande avrà un impatto negativo sull’economia statunitense, ha dichiarato Navellier.

“Semmai, i problemi debitori in Cina faranno soltanto fluire più denaro negli Stati Uniti come un’oasi in un mondo caotico”, ha concluso Navellier.

Leggi anche: USA: la ripresa aumenta il focus sull’occupazione