Perché la Norvegia ha alzato i tassi di interesse?

La nazione scandinava è il primo Paese occidentale ad averlo fatto dall’inizio della pandemia

Perché la Norvegia ha alzato i tassi di interesse?
1' di lettura

La Norvegia è diventato il primo Paese occidentale la cui banca centrale ha aumentato i tassi di interesse dall’inizio della pandemia di COVID-19.

Cosa è successo

Il Comitato per la politica monetaria e la stabilità finanziaria di Norges Bank ha votato all’unanimità per aumentare il tasso di riferimento dallo 0% allo 0,25%; la banca centrale ha affermato che ora l’attività economica norvegese ha superato i livelli pre-pandemia, la disoccupazione continua a diminuire e il successo della campagna vaccinale anti-Covid ha ridotto la necessità di restrizioni dovute al protocollo pandemico.

“Un’economia in via di normalizzazione ora suggerisce che è opportuno iniziare una graduale normalizzazione del tasso di riferimento”, ha dichiarato il governatore della Norges Bank Øystein Olsen.

Olsen ha aggiunto che il tasso “molto probabilmente verrà nuovamente incrementato a dicembre” se le condizioni attuali continueranno a migliorare.

Cos’altro è successo

La decisione della Norvegia segue le azioni intraprese dalle banche centrali di Brasile, Cile, Messico, Perù, Russia e Corea del Sud per avviare un rialzo dei tassi quest’anno.

Negli Stati Uniti, il presidente della Federal Reserve Jerome Powell ha dichiarato che a novembre la banca centrale potrebbe iniziare a ridurre gli acquisti di asset ma che questo attesissimo tapering non sarebbe accompagnato da un aumento dei tassi.

“Le tempistiche e il ritmo della prossima riduzione degli acquisti di asset non saranno destinati a portare un segnale diretto per quanto riguarda le tempistiche di aumento dei tassi di interesse”, ha affermato ieri Powell dopo la riunione di due giorni del Federal Open Market Committee.

Foto di Mark König su Unsplash