Apple, -10 milioni di iPhone nel 2021 per la crisi dei chip

Apple ridurrà la produzione di iPhone di 10 milioni di unità nel 2021 per via dell'attuale carenza di chip

Apple, -10 milioni di iPhone nel 2021 per la crisi dei chip
2' di lettura

Secondo quanto riferito, per quest’anno Apple Inc (NASDAQ:AAPL) ridurrà la produzione degli smartphone iPhone 13 di 10 milioni di unità a causa dell’attuale carenza di chip.

Cosa è successo

La società guidata da Tim Cook aveva previsto di realizzare 90 milioni di modelli di iPhone nell’ultimo trimestre del 2021, ma ora ha informato i suoi partner di produzione che il totale sarà inferiore, come riportato martedì da Bloomberg.

Il taglio della produzione è dovuto alle difficoltà incontrate da Broadcom Inc (NASDAQ:AVGO) e Texas Instruments Inc (NASDAQ:TXN) nella consegna dei componenti, hanno riferito a Bloomberg alcune fonti vicine alla questione.

Perché è importante

Apple si procura le parti per i display da Texas Instruments e i componenti wireless da Broadcom, ha osservato Bloomberg.

Secondo quanto emerso, uno dei chip di Texas Instruments che scarseggiano per la linea di iPhone 13 sarebbe legato all’alimentazione del display OLED.

Il produttore di iPhone si trova ad affrontare carenze di chip anche da altri fornitori, secondo Bloomberg.

Queste carenze stanno influenzando la capacità di Apple di spedire i suoi nuovi modelli ai clienti, poiché nonostante iPhone 13 Pro e iPhone 13 Pro Max siano stati messi in vendita a settembre, gli ordini non verranno consegnati per circa un mese.

Durante la chiamata degli utili del terzo trimestre, i dirigenti di Apple avevano fatto il punto sulla crisi dei chip.

“Abbiamo alcune carenze”, aveva detto Cook in quell’occasione; il CEO della società aveva spiegato che la domanda era stata talmente elevata e oltre le aspettative di Apple “che è difficile avere l’intero set di parti entro i tempi di consegna in cui cerchiamo di ottenerli”.

Ciononostante, Apple potrebbe comunque consegnare gli iPhone ai clienti in tempo per le festività natalizie, secondo Bloomberg.

Il trimestre di fine anno è cruciale e si prevede che genererà un fatturato di quasi 120 miliardi di dollari, in crescita del 7% su base annua.

Movimento dei prezzi

Nella sessione after-hours di martedì le azioni Apple hanno ceduto l’1,3% a 139,63 dollari dopo aver terminato la sessione regolare in calo di quasi lo 0,9% a 141,51 dollari.