Stati Uniti, in arrivo il salario minimo federale?

Secondo Joseph Brusuelas di RSM US LLP, un salario minimo da 15 dollari l’ora sta diventando il nuovo standard nell’economia post-pandemica

Stati Uniti, in arrivo il salario minimo federale?
4' di lettura

Dopo decenni di crescita lenta, quest’anno i salari negli Stati Uniti hanno finalmente preso a salire considerato che un numero record di posti di lavoro resta vacante.

Joseph Brusuelas, chief economist di RSM US LLP, martedì ha dichiarato che l’era del surplus di lavoro negli USA sta volgendo al termine e che un salario minimo da 15 dollari l’ora sta diventando il nuovo standard nell’economia post-pandemica.

Le misure di lockdown dovute alla pandemia hanno dato ai lavoratori l’opportunità di ripensare se i loro lavori a bassa retribuzione valgono o meno il loro tempo, ha affermato Brusuelas; l’aumento dello shopping online e lo stipendio a partire da 15 dollari l’ora offerto da Amazon.com, Inc. (NASDAQ:AMZN) si accingono a porre fine a un periodo quarantennale di monopsonio, ha dichiarato l’analista.   

Interrompere il monopsonio

Il monopsonio è un consolidamento delle scelte occupazionali che si traduce in un ambiente di non competitività; uno dei maggiori esempi storici di monopsonio sono le città minerarie del carbone in West Virginia, ha detto l’economista.

Negli anni più recenti, le compagnie della vendita al dettaglio e della ristorazione moderne hanno creato monopsoni nelle piccole città di tutti gli Stati Uniti, costringendo i concorrenti locali a vendere sottocosto e facendoli fallire.

Aziende come Walmart Inc (NYSE:WMT), Rite Aid Corporation (NYSE:RAD) e McDonald’s Corp (NYSE:MCD) hanno creato monopsoni in diverse aree degli Stati Uniti, ha affermato Brusuelas; in molti casi i lavoratori delle piccole città non avevano altra scelta se non quella di lavorare presso la sede locale della gigantesca società per qualunque salario questa fosse disposta a pagare, ha detto l’analista di RSM.  

La storia del salario minimo

Quando fu stabilito per la prima volta il salario minimo nel 1933 quest’ultimo ammontava al 50% della retribuzione media nazionale di 0,50 dollari all’ora. Nel 1964 il salario minimo era rimasto al 50% del tasso medio nazionale, pari a 2,50 dollari all’ora, ha detto Brusuelas, aggiungendo che purtroppo al 2019 il salario minimo degli Stati Uniti era sceso ad appena il 30% della retribuzione oraria media nazionale.

“Quando i posti di lavoro nel settore manifatturiero hanno iniziato a scomparire dall’economia statunitense negli anni ’80, i datori di lavoro hanno dovuto affrontare una minore concorrenza per i lavoratori; e poiché le famiglie a basso reddito non dispongono dei mezzi per trasferirsi in aree con salari più alti, c’erano molti lavoratori disposti a lavorare a condizione che i loro nuovi lavori pagassero di più del salario minimo”, ha detto Brusuelas.

L’impatto dell’aumento dei salari

Ora questa dinamica sembra spostarsi a favore dei dipendenti, ma un salario minimo di 15 dollari l’ora potrebbe avere alcuni effetti collaterali: i costi salariali più elevati potrebbero essere trasferiti ai consumatori sotto forma di prezzi più alti. Eppure Bruseulas ha affermato che l’aumento del salario minimo dovrebbe produrre un effetto positivo netto sull’economia, poiché sarà più probabile che le famiglie a basso reddito spenderanno i loro guadagni extra in cibo, alloggio e altre necessità rispetto alle famiglie con un reddito più alto.

“Pensatela in questo modo: mentre il costo di un Big Mac potrebbe dover salire e il conto da pagare al ristorante locale potrebbe aumentare per tenere conto del costo più elevato per il pagamento degli inservienti, il costo per la società per mantenere standard di vita adeguati per i lavoratori a basso reddito attraverso i pagamenti dell’assistenza pubblica dovrebbe diminuire”, ha detto Brusuelas.

Il punto di vista di Benzinga

All’inizio di questo mese il Dipartimento del Lavoro USA ha riferito che la crescita dei salari negli Stati Uniti ha continuato ad accelerare a settembre, con un aumento del 4,6% rispetto a un anno fa; dall’inizio dell’anno l’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) ha generato un rendimento totale del 17,4%, un elemento che indica il fatto che l’aumento dei salari al momento non preoccupa ancora gli investitori.

L’imminente stagione degli utili del terzo trimestre fornirà agli investitori alcuni importanti riscontri sull’entità dell’impatto dell’aumento del costo del lavoro sugli utili societari.