Alibaba, Baidu: calo a Hong Kong su timori COVID-19

Nel frattempo le rivali di Nio, Xpeng e Li Auto, registrano forti guadagni in seguito all’accordo raggiunto fra Tesla ed Hertz

Alibaba, Baidu: calo a Hong Kong su timori COVID-19
2' di lettura

Martedì le azioni di Alibaba Group Holding Limited (NYSE:BABA) e Baidu Inc. (NASDAQ:BIDU) hanno avuto un ribasso a Hong Kong, mentre i produttori di veicoli elettrici Xpeng Inc. (NYSE:XPEV) e Li Auto Inc. (NASDAQ:LI) hanno registrato un aumento.

I movimenti

Le azioni quotate a Hong Kong del colosso cinese dell’e-commerce Alibaba hanno ceduto quasi l’1,5% a 171,40 dollari hongkonghesi, le azioni della compagnia di e-commerce JD.com Inc. (NASDAQ:JD) sono salite dello 0,2% a 325,60 dollari hongkonghesi e le azioni della società tecnologica Baidu hanno perso l’1,5% a 169,70 dollari hongkonghesi.

Nell’ultimo anno Alibaba ha perso 344 miliardi di dollari di capitalizzazione di mercato a seguito di un giro di vite sul settore tecnologico cinese, secondo un report di Bloomberg.

Le azioni del produttore di veicoli elettrici Xpeng sono balzate del 12% a 196 dollari hongkonghesi e le azioni della rivale Li Auto hanno guadagnato il 6,9% a 134,80 dollari hongkonghesi in seguito all’accordo raggiunto da Tesla Inc. (NASDAQ:TSLA) per la fornitura di 100.000 veicoli elettrici alla società di autonoleggio Hertz Global Holdings Inc (OTC:HTZZ).

Domenica, in occasione del suo Tech Day annuale, Xpeng ha dichiarato che il suo sistema avanzato di guida assistita (ADAS) PILOT 4.0 a scenario completo verrà lanciato nella prima metà del 2023; la società ha anche presentato il design dell’auto volante sviluppato dalla società affiliata di mobilità aerea urbana HT Aero.

Le azioni del conglomerato tecnologico Tencent Holdings Inc. (OTC:TCEHY) scambiano quasi invariate a 504,50 dollari hongkonghesi.

L’indice Hang Seng di Hong Kong è sceso al ribasso dopo un inizio positivo e al momento della pubblicazione era in calo dello 0,4%; lunedì l’indice ha chiuso invariato.

Perché si sta muovendo?

Martedì l’indice Hang Seng si è mosso in territorio negativo a causa dei persistenti timori sul settore immobiliare cinese e con gli investitori che monitorano i crescenti casi di Covid-19 nel Paese.

Le azioni delle società di sviluppo immobiliare hanno scambiato debolmente a seguito della notizia che Pechino prevede di introdurre un programma di imposte sugli immobili in alcune regioni selezionate nell’ambito di un processo quinquennale.

Modern Land China Co. non è riuscita a rimborsare né il capitale né gli interessi su un’obbligazione da 250 milioni di dollari in scadenza lunedì, diventando così l’ultima società di costruzioni a non riuscire a effettuare i pagamenti del debito, ha riferito Bloomberg.

Lunedì le azioni delle società cinesi hanno chiuso contrastate negli scambi USA nonostante i principali indici azionari statunitensi abbiano terminato la sessione in territorio positivo.

Le azioni di Alibaba hanno chiuso in calo di quasi lo 0,9%, mentre quelle di Nio hanno chiuso in aumento di quasi il 6,2%.