Come Xpeng riesce ad aggirare la carenza di chip

Ecco l’espediente della startup cinese di veicoli elettrici per continuare a consegnare la sua berlina P5

Come Xpeng riesce ad aggirare la carenza di chip
2' di lettura

Il produttore cinese di veicoli elettrici Xpeng Inc (NYSE:XPEV) offrirà ai suoi clienti la possibilità di ricevere in consegna molti dei suoi modelli auto senza radar e di installarli dopo marzo, quando sarà di nuovo disponibile un chip chiave, secondo quanto riportato da cnEVpost, che cita la società.

Cosa è successo

La casa automobilistica offrirà agli acquirenti della P5, la berlina elettrica dal prezzo accessibile introdotta di recente, un’opzione per ricevere la consegna adesso con l’installazione posticipata del radar e altri vantaggi software, nel tentativo di superare la carenza di forniture dei semiconduttori a onde millimetriche, secondo cnEVpost.

Il mese scorso Xpeng ha lanciato la berlina P5, il suo terzo veicolo elettrico prodotto in serie, al competitivo prezzo di partenza di circa 25.000 dollari, che salgono a 34.717 dollari per la versione superiore (al netto degli incentivi statali); le consegne delle berline P5 dovrebbero iniziare entro la fine di ottobre.

Leggi anche: Li Auto, il rivale di Nio aggira la crisi dei chip

In base al report, XPeng offrirà gratuitamente il software XPILOT 3.0 o XPILOT 3.5 agli utenti che opteranno per l’installazione posticipata del radar, a seconda delle specifiche dei loro modelli; i radar hanno un prezzo compreso fra 5.141 e 6.426 dollari.

Perché è importante

Xpeng è la seconda casa automobilistica cinese a perseguire questo modello di consegna: all’inizio di questo mese, Li Auto (NASDAQ:LI) ha offerto ai clienti la possibilità di ricevere in consegna i veicoli elettrici senza due importanti chip radar, che verranno poi installati fra dicembre e febbraio.

Diverse case automobilistiche in tutto il mondo sono state colpite da questa crisi e faticano a orientarsi in un contesto di persistente carenza di chip; all’inizio di quest’anno Ford Motor Co (NYSE:F) aveva valutato la possibilità di spedire i suoi veicoli ai concessionari senza chip, nel tentativo di mitigare l’accumulo di veicoli non finiti in inventario e di mantenere gli impianti produttivi in funzione, secondo un report di Automotive News.

Anche Tesla Inc (NASDAQ:TSLA), azienda guidata da Elon Musk, si è lamentata della carenza di semiconduttori, ma è riuscita a realizzare utili record nel terzo trimestre.

Movimento dei prezzi

Martedì le azioni Xpeng hanno chiuso in rosso del 5,75% a 45,34 dollari.

Foto per gentile concessione di Xpeng