Jeremy Siegel: dato sull’inflazione negli USA “problematico”

Vediamo cosa motiva i timori del noto professore della Wharton School  

Jeremy Siegel: dato sull’inflazione negli USA “problematico”
1' di lettura

Jeremy Siegel, professore di finanza presso la Wharton School dell’Università della Pennsylvania, è intervenuto alla CNBC per discutere dei recenti dati sull’indice dei prezzi al consumo, definendoli “problematici”.

Siegel ha osservato che l’azionario “ama l’inflazione” finché la Federal Reserve non pensa seriamente alla stessa; tuttavia, la Banca centrale non intraprenderà alcuna azione, ha dichiarato il professore.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

È prevista la pubblicazione di un altro dato sull’inflazione prima del vertice della Fed del 15 dicembre, e se questo dato si avvicinasse sempre di più al livello attuale, ci sarebbe un’enorme pressione sul presidente della banca centrale Jerome Powell affinché “intervenga in modo molto più forte di quanto non abbia fatto finora”.

Nel mese di ottobre il tasso annuo di inflazione negli Stati Uniti è salito al 6,2%, il livello più alto dal novembre 1990; gli analisti avevano previsto una lettura del 5,8%. Ad ottobre l’indice dei prezzi al consumo core è salito dello 0,6% su base mensile dopo un aumento dello 0,2% a settembre.