S&P 500, il PEG ratio è basso: un segnale ribassista?

Ecco l’analisi di Savita Subramanian, analista di Bank of America, su uno dei parametri di valutazione dell'S&P 500

S&P 500, il PEG ratio è basso: un segnale ribassista?
2' di lettura

Il rapporto prezzo-utili-crescita (PEG) è un parametro di valutazione fondamentale che valuta il prezzo di un titolo azionario rispetto ai suoi utili e al tasso di crescita degli utili previsto; in teoria, più basso è il rapporto PEG, maggiore è il valore di un titolo.

L’indice S&P 500 ha attualmente un rapporto PEG forward di appena 1,11 volte, il 21% al di sotto della sua media storica, ma lunedì Savita Subramanian, analista di Bank of America, ha dichiarato che la maggior parte dei parametri di valutazione di tipo fondamentale indicano che il mercato azionario è sopravvalutato e che il basso rapporto PEG potrebbe effettivamente essere soltanto un altro segno di esuberanza irrazionale del mercato.


I numeri

Subramanian ha affermato che l’indice S&P 500 è statisticamente costoso sulla base di 15 dei 20 parametri fondamentali che monitora, fra cui un rapporto Shiller P/E superiore del 122,9% rispetto ai livelli storici e un rapporto fra capitalizzazione di mercato dell’S&P 500 e PIL superiore del 170,3% rispetto alle medie storiche.

In effetti, Subramanian ha affermato che l’unico motivo per cui il PEG dell’S&P 500 è così basso è perché gli analisti hanno aspettative molto elevate sulla crescita futura degli utili.

“L’attraente rapporto P/E sulla [crescita a lungo termine], o ‘rapporto PEG’, dell’S&P 500 è dovuto alle elevate aspettative di crescita, non alle basse valutazioni”, ha spiegato l’analista.

Alte aspettative

Attualmente gli analisti prevedono una crescita degli utili a lungo termine per l’S&P 500 pari al 19%, persino superiore alle aspettative di crescita della bolla delle dot-com. Subramanian ha affermato che, come molti indicatori del sentiment economico e di mercato, le aspettative di crescita a lungo termine sono state storicamente un miglior indicatore contrario che un indicatore positivo: in effetti, delle 87 società che avevano aspettative di crescita degli utili a lungo termine nel 2000, solo 15 hanno effettivamente fornito almeno il 20% di crescita a lungo termine nei successivi cinque anni, ha dichiarato Subramanian.

Le proiezioni sulla crescita a lungo termine hanno storicamente avuto una correlazione negativa del 40% con i rendimenti forward a 12 mesi dell’S&P 500; se tale correlazione dovesse reggere nei prossimi 12 mesi, ciò suggerirebbe un ribasso di circa il 20% per l’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY) entro novembre 2022.

Il punto di vista di Benzinga

Prevedere le mosse del mercato è molto più complicato che analizzare una o anche solo pochi parametri, come le proiezioni sulla crescita a lungo termine o il rapporto PEG; tuttavia, se il 75% dei parametri di valutazione di Bank of America attualmente suggerisce che le valutazioni azionarie sono storicamente elevate, gli investitori dovrebbero essere preparati alla possibilità di una forte correzione qualora la Federal Reserve iniziasse ad aumentare i tassi di interesse nel 2022.