Avalanche e la questione in sospeso con Ethereum

Il CEO del progetto lancia una frecciata alla criptovaluta creata da Vitalik Buterin, sostenendo che il suo token avrà minori problemi ingegneristici

Avalanche, una questione in sospeso con Ethereum
3' di lettura

Emin Gün Sirer, fondatore del progetto Avalanche (CRYPTO:AVAX) e amministratore delegato di Ava Labs, ha dichiarato domenica che la sua criptovaluta “affronterà minori problemi ingegneristici senza batter ciglio”, lanciando così una frecciatina alla congestione di Ethereum (CRYPTO:ETH).

Cosa è successo

Quello di Gün Sirer è un commento al tweet di Philippe Castonguay, Product Director di Horizon Blockchain Games.

Castonguay ha scritto su Twitter che anche i blocchi di Avalanche “saranno pieni” e che non è un segreto che tutte le blockchain “alla fine saranno piene se verranno adottate, e chiunque ti dica il contrario sta mentendo”.

In risposta, Gün Sirer ha detto che continua a sentir dire che un giorno “Avalanche sarà lenta come Ethereum”.   

 

I tweet del fondatore di Avalanche hanno attirato l’attenzione di Péter Szilágyi, sviluppatore principale di Ethereum, il quale ha chiesto a Gün Sirer perché allora Avalanche utilizza il codice del team di Ethereum.

Gün Sirer ha risposto affermando che rispetta Szilágyi e il suo lavoro, definito “senza eguali”, ma ha dichiarato che i problemi di scalabilità richiedono un approccio olistico; al che Szilágyi ha ribattuto che sentirsi dire che lo scaling è un “problema ingegneristico minore” va oltre lo spirito dei software open source.

Perché è importante

Nelle prime ore di domenica, Avalanche ha superato la criptovaluta meme Dogecoin (CRYPTO:DOGE) diventando la decima moneta digitale al mondo per capitalizzazione di mercato.

Al momento della pubblicazione, AVAX aveva una capitalizzazione di mercato di 30,04 miliardi di dollari e DOGE aveva una market cap di 29,48 miliardi, posizionandosi rispettivamente al decimo e all’undicesimo posto, secondo i dati di CoinMarketCap.

AVAX è risultata anche davanti alla coin rivale di DOGE, Shiba Inu (CRYPTO:SHIB), che ha una capitalizzazione di mercato di 24 miliardi di dollari ed è la dodicesima criptovaluta al mondo per market cap.

Domenica AVAX ha raggiunto il massimo storico di 146,22 dollari; al momento della pubblicazione, era in calo dell’8,01% rispetto a quel livello. Il rendimento di AVAX dall’inizio dell’anno è del 3.621,42%.

Nelle ultime 24 ore Avalanche è salito del 6,02% a 136,80 dollari, DOGE ha ceduto il 2,84% a 0,2231 dollari e SHIB ha perso il 5,51% a 0,00004377 dollari.

Avalanche è spesso definito come “killer di Ethereum”; le sue fortune sono state incoraggiate dalla congestione e dall’aumento delle commissioni di transazione sulla rete di Ethereum, fenomeni dovuti all’aumento della popolarità della finanza decentralizzata (DeFi) e dei token non fungibili (NFT).

Al momento della pubblicazione, la commissione di transazione media su Ethereum era di 38,10 dollari, mentre l’anno scorso alla stessa data era di 2,317 dollari, secondo i dati di Bitinfocharts; nel giro di un anno la commissione ‘gas’ è cresciuta di uno straordinario 1.544,37%.

Nel frattempo, le transazioni sulla rete Avalanche, le più veloci, richiedono una commissione gas di 0,095 dollari, secondo Cointool.