Bitcoin, Ethereum e Dogecoin verso il Natale in ribasso.

Edward Moya, analista senior di OANDA, ritiene che i trader stiano invece gravitando verso monete quali Avalanche, Solana, Polkadot ed Hedera

Bitcoin, Ethereum, Dogecoin in calo verso Natale. Ecco dove si orientano i trader
3' di lettura

In chiusura del weekend, le principali coin hanno avuto un andamento in gran parte invariato. La capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute al momento della pubblicazione, domenica sera, era in leggero calo giornaliero a 2.180 miliardi di dollari.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Bitcoin (CRYPTO:BTC) ha registrato un calo giornaliero dello 0,49% a 46.538,64 dollari; negli ultimi sette giorni BTC ha ceduto il 6,65%.

La seconda moneta al mondo per capitalizzazione di mercato, Ethereum (CRYPTO:ETH), nelle ultime 24 ore ha perso lo 0,79% a 3.918,13 dollari; negli ultimi sette giorni ETH ha fatto segnare -4,45%.

Dogecoin (CRYPTO:DOGE) ha avuto un ribasso giornaliero del 2% a 0,17 dollari; negli ultimi sette giorni DOGE è in rosso dello 0,37%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Shiba Inu, la coin rivale di DOGE, nelle ultime 24 ore ha ceduto il 3,04% a 0,00003055 dollari; negli ultimi sette giorni SHIB ha lasciato sul terreno il 16,12%.

Secondo i dati di CoinMarketCap, le tre criptovalute in maggior rialzo nelle ultime 24 ore sono risultate Decred, Harmony e Arweave.

Decred ha fatto un balzo del 24,84% a 83,24 dollari, Harmony ha guadagnato il 18,7% a 0,2478 dollari e Arweave ha avuto un incremento del 12,75% a 58,84 dollari.

Perché è importante

Domenica il trader di criptovalute Lark Davis ha twittato che il mercato delle criptovalute “sta cominciando a comportarsi come i titoli tecnologici”. 

Davis usato come esempio le azioni Amazon.com, Inc (NASDAQ:AMZN), che secondo lui non hanno registrato alcun drawdown superiore al 40% dal 2011.

Nonostante ciò, i dati tecnici a breve termine non indicano entusiasmo in vista delle festività natalizie, secondo Delphi Digital.

“Il sentiment è terribile, il momentum è debole e tutto questo parlare di inflazione e incertezza politica ci fa desiderare ottimismo ovunque possiamo trovarlo”, ha scritto la società di ricerca indipendente in una nota inviata via email.

Un esempio di incertezza politica è stato osservato venerdì quando la governatrice della Banca centrale russa, Elvira Nabiullina, ha suggerito che il Paese potrebbe vietare Bitcoin e altre criptovalute, parlando di notevoli rischi per gli investitori retail e di volatilità intrinseca.

Leggi anche: Il governo russo valuta l’idea di minare Bitcoin

Per quanto riguarda il momentum, nel fine settimana i trader sono stati “titubanti nel comprare sul ribasso”, secondo Edward Moya, analista di mercato senior di OANDA.

“Molti trader stanno gravitando su altre monete come Avalanche, Solana, Polkadot e Hedera. Se all’inizio del prossimo anno l’attenzione si concentrerà principalmente sulle altcoin, potrebbe volerci molto tempo prima che Bitcoin ritorni ai massimi storici”, ha osservato Moya, in una nota vista da Benzinga. 

Nel frattempo, negli ultimi 11 mesi i BTC detenuti a lungo termine e quelli andati persi hanno raggiunto il loro massimo, e secondo il giornalista Colin Wu attualmente rappresentano il 34,45% dell’offerta della principale criptovaluta al mondo.

Ti potrebbe interessare: Le 5 altcoin da osservare secondo Michaël Van De Poppe