Dogecoin e 5 criptovalute che hanno guadagnato nel 2021

Le cripto sono state una delle storie più calde di mercato l’anno scorso; ecco le performance 2021 di Polkadot, Monero, Cardano, Energy Web e Ocean Protocol

Dogecoin e 5 criptovalute che hanno guadagnato nel 2021
4' di lettura

Dogecoin (CRYPTO:DOGE) ha aperto l’anno di trading 2021 a 0,0047 dollari e lo ha chiuso a 0,1703 dollari, per un rendimento del 3.601%. Dogecoin è stata una delle storie più roventi del 2021, non solo a causa dell’impennata di prezzo della criptovaluta, dell’aumento della sua utilità e dell’aggiornamento software che ha diminuito il costo delle sue commissioni, ma anche dell’enorme quantità di trader retail che sono rimasti affascinati dalla moneta.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

L’aumento della popolarità di Dogecoin può anche essere attribuito alla sua maggiore presenza nella cultura popolare, in parte favorita dalla predilezione mostrata dal CEO di Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) Elon Musk per questa criptovaluta rispetto ad altre.

In particolare, l’8 maggio Musk ha fatto un’apparizione al ‘Saturday Night Live’, sebbene il clamore attorno a Dogecoin prima della sua esibizione abbia superato di gran lunga qualsiasi promozione fatta da Musk alla criptovaluta durante il programma, avendo menzionato Dogecoin solo brevemente.

Il giorno successivo all’apparizione di Musk la criptovaluta a tema Shiba Inu è crollata di oltre il 30%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Sebbene Dogecoin sia risultata una delle criptovalute più popolari del 2021 (e sembra destinata a continuare così anche quest’anno), l’anno scorso c’è stata una serie di altre criptovalute meno note che hanno offerto ottimi guadagni.

Ecco uno sguardo ad altre cinque criptovalute che nel 2021 hanno avuto ottime performance

Polkadot (CRYPTO:DOT)

1° gennaio 2021: 9,26 dollari – 31 dicembre 2021: 26,65 dollari (rendimento annuo: 187,77%)

Polkadot è una crypto proof-of-stake che offre interoperabilità fra altre blockchain; per collegare le criptovalute attraverso le blockchain, Polkadot utilizza quattro sistemi: relay chain, parachain, parathread e bridge. Analogamente a Ethereum (ETH), anche Polkadot consente agli utenti di creare la propria blockchain.

Mentre gli sviluppatori che operano su Ethereum devono gestire la propria sicurezza, su Polkadot gli sviluppatori possono sfruttare la sicurezza già integrata nel sistema.

Monero (CRYPTO:XMR)

1° gennaio 2021: 156,53 dollari – 31 dicembre 2021: 228,48 dollari (rendimento annuo: 45,97%)

Monero è una crypto che consente agli utenti di essere la propria banca e di effettuare acquisti completamente irrintracciabili; il progetto community-based è interamente finanziato da donazioni e ha l’obiettivo di garantire agli utenti l’anonimato con le loro attività bancarie. Rispetto a Bitcoin, che è trasparente e le cui transazioni possono essere tracciate, Monero utilizza una tecnica di crittografia chiamata “firma ad anello” per proteggere i dettagli delle transazioni e le identità dei suoi clienti.

Monero ha un sistema semplice che consente agli utenti di acquistare monete Monero e poi di spenderle; la lista degli esercenti che accettano pagamenti in Monero attualmente è composta da meno di 200 negozi.

Cardano (CRYPTO:ADA)

1° gennaio 2021: 0,169 dollari – 31 dicembre 2021: 1,30 dollari (rendimento annuo: 674,44%)

Co-fondata da Charles Hoskinson (uno degli sviluppatori originali di Ethereum), Cardano è una piattaforma blockchain proof-of-stake; nelle sue fasi iniziali alcuni la chiamavano “il killer di Ethereum”, poiché si riteneva che alla fine avrebbe eliminato il suo rivale più grande.

Come Ethereum, anche Cardano mira a fornire ai propri clienti dei prodotti finanziari decentralizzati, ma la piattaforma è stata creata appositamente pensando alla sicurezza: invece degli smart contract utilizzati da Ethereum, Cardano utilizza una logica a token “nativa” collegata direttamente al ledger di Cardano.

Energy Web (CRYPTO:EWT)

1° gennaio 2021: 6,18 dollari – 31 dicembre 2021: 8,29 dollari (rendimento annuo: 33,99%)

Il token Energy Web è stato lanciato dall’organizzazione no profit Energy Web Foundation. Il token fa parte della Energy Web Chain, che supporta idee incentrate sui clienti e a basse emissioni di CO2 per generare elettricità. Secondo il suo sito web, “EW ha anche fatto crescere il maggior ecosistema al mondo nel settore energetico — comprendente servizi pubblici, operatori di rete, sviluppatori di energia rinnovabile, acquirenti di energia aziendale e altri — che si concentra su tecnologie digitali decentralizzate e open source”.

Attraverso la sua interfaccia digitale, Energy Web ha acquisito clienti in oltre una dozzina di Paesi, fra cui Stati Uniti, Giappone e Germania.

Ocean Protocol (CRYPTO:OCEAN)

1° gennaio 2021: 0,327 dollari – 31 dicembre 2021: 0,765 dollari (rendimento annuo: 133,55%)
Ocean è un ecosistema basato su blockchain che si concentra sui dati; in particolare, consente alle aziende di tokenizzare e vendere i propri dati sul mercato di Ocean. Secondo il suo sito web, “Ocean rende semplice pubblicare servizi di dati (distribuire e coniare token di dati ERC20) e consumare servizi di dati (spendere i token di dati)”.

Gli utenti possono anche creare le proprie app e sfruttare la sicurezza blockchain di Ocean Protocol.