Covid, 4 dosi di vaccino Pfizer non prevengono Omicron

Secondo uno studio condotto dallo Sheba Medical Center di Tel Aviv, quattro dosi di vaccino Pfizer non sono sufficienti a prevenire l’infezione da Omicron

Covid, 4 dosi di vaccino Pfizer non prevengono Omicron
2' di lettura

Quattro dosi di vaccino Pfizer Inc (NYSE:PFE) e BioNTech SE (NASDAQ:BNTX) non sono risultate sufficienti per prevenire l’infezione causata dalla variante Omicron del COVID-19.

Cosa è successo

Uno studio condotto dallo Sheba Medical Center di Tel Aviv (Israele) ha mostrato che, sebbene il vaccino sia riuscito a determinare un aumento del livello di anticorpi, il suo successo contro Omicron è stato limitato, ha riferito Bloomberg.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo Gili Regev-Yochay, il ricercatore che ha guidato lo studio israeliano, i vaccini che hanno avuto più successo contro le varianti precedenti ne hanno avuto meno nel prevenire l’infezione da Omicron.

Regev-Yochay ha rivelato che le persone risultate infette da Omicron durante la sperimentazione presentavano soltanto sintomi lievi o del tutto assenti, secondo Bloomberg.

Perché è importante

A dicembre, con l’aumento dei casi di coronavirus, l’Israele ha iniziato a somministrare la quarta dose del vaccino alle persone di età superiore ai 60 anni e agli individui immunocompromessi.

Oltre mezzo milione di israeliani ha ricevuto la dose extra, ha riferito Bloomberg citando il Ministero della salute del Paese.

Regev-Yochay ha difeso la decisione di lanciare la quarta dose di vaccino, affermando che questa potrebbe aver fornito ulteriori benefici contro la variante Omicron. Ha aggiunto tuttavia che i risultati della sperimentazione non supportano un’implementazione più ampia per l’intera popolazione, secondo Bloomberg.

I ricercatori dello Sheba Medical Center stanno anche conducendo uno studio sulla quarta dose del vaccino prodotto da Moderna Inc (NASDAQ:MRNA) su 120 volontari che in precedenza avevano ricevuto tre dosi del vaccino Pfizer.
Secondo Regev-Yochay, i risultati emersi una settimana dopo l’inizio dello studio indicano che il livello di anticorpi osservato è analogo a quello di coloro che hanno ricevuto quattro dosi di vaccino Pfizer, ha riferito Bloomberg.

Ad agosto dell’anno scorso la Food and Drug Administration ha approvato le dosi di richiamo dei vaccini Pfizer e Moderna.

A dicembre è stato riferito che la variante Omicron riesce a eludere parzialmente la protezione data da due dosi di vaccino Pfizer-BioNTech. Uno studio sudafricano uscito in quel periodo ha indicato che tre dosi del vaccino Pfizer riuscirebbero a neutralizzare la variante.

Movimento dei prezzi

Le azioni Pfizer hanno chiuso la sessione regolare di venerdì in ribasso di quasi l’1,1% a 54,95 dollari, mentre le azioni di BioNTech hanno ceduto il 3,4% a 196 dollari.