Bitcoin torna a salire, ma non Ethereum. Cosa aspettarci?

Il bagno di sangue sulle cripto è vicino alla fine? Marcus Sotiriou di GlobalBlock evidenzia l’RSI di Bitcoin, che potrebbe segnalare un bottom di mercato

Bitcoin torna a salire, ma non Ethereum. Cosa aspettarci?
3' di lettura

Lunedì sera Bitcoin (CRYPTO:BTC) risultava in territorio positivo ma la maggior parte delle principali altcoin è rimasta sottotono, con la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute che è diminuita dell’1,6% a 1.700 miliardi di dollari.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

La principale criptovaluta al mondo ha avuto un rialzo giornaliero dell’1,4% a 36.450,99 dollari; negli ultimi sette giorni Bitcoin ha perso il 13,7%.

Ethereum (CRYPTO:ETH), la seconda maggior criptovaluta al mondo, nelle ultime 24 ore ha avuto un calo del 2,7% a 2.422,50 dollari; negli ultimi sette giorni ETH ha lasciato sul terreno il 24,5%.

Nelle ultime 24 ore Dogecoin (CRYPTO:DOGE) ha ceduto lo 0,8% a 0,14 dollari; negli ultimi sette giorni DOGE ha perso il 20,1%.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La coin rivale di DOGE, Shiba Inu (SHIB), nelle ultime 24 ore ha mostrato un ribasso del 5,5% a 0,00002 dollari; negli ultimi sette giorni SHIB ha perso il 27,2% del suo valore.

Le tre altcoin in maggior rialzo giornaliero sono risultate SAFEMOON (SAFEMOON), Maker (MKR) e Cosmos (ATOM).

SAFEMOON ha avuto una straordinaria impennata del 210% a 0,0000015 dollari, MKR ha guadagnato il 4,8% a 1.904,38 dollari e ATOM ha avuto un rialzo del 2,3% a 35,71 dollari.

Leggi anche: Nel crypto carnage le stelle del 2021 dimezzano il valore

Perché è importante

Su base intraday, BTC si è mosso fra i 33.064,80 e i 37.475,91 dollari, mentre ETH ha toccato un minimo di 2.180 dollari e un massimo di 2.502,70 dollari.

I mercati delle criptovalute restano volatili in vista della riunione del Federal Open Market Committee prevista per il 25 e 26 gennaio. 

“La rapida evoluzione della politica monetaria da parte della Federal Reserve in risposta all’aumento dell’inflazione ha causato estrema paura sia nei mercati tradizionali che in quelli delle criptovalute”, ha dichiarato Marcus Sotiriou, analista della società britannica di intermediazione di asset digitali GlobalBlock.

Entro febbraio l’amministrazione di Joe Biden dovrebbe rendere nota la propria strategia in materia di asset digitali. L’ordine esecutivo verrà presentato al Presidente nelle prossime settimane , secondo un report precedente.

Nel frattempo, in Europa ribollono le tensioni politiche: la NATO ha inviato rinforzi e gli Stati Uniti hanno messo in allerta le loro truppe per l’accumulo di truppe russe ai confini dell’Ucraina, secondo un report di Reuters. La Russia e gli Stati Uniti sono le principali nazioni al mondo per mining di Bitcoin.

Un mercato ribassista sta portando a un calo dell’open interest (ovvero dei contratti in essere sui futures). Secondo i dati di Delphi Digital, l’open interest sui futures di Bitcoin ed Ethereum ha subito una contrazione rispettivamente di 6 e di 3,1 miliardi di dollari dai massimi di novembre.

Open Interest sui futures e tasso di finanziamento per Bitcoin ed Ethereum — Per gentile concessione di Delphi Digital

“Con l’inasprimento dei prezzi, i trader con posizioni long a forte leva finanziaria sono stati liquidati diverse volte nelle ultime settimane; i tassi di finanziamento restano neutrali, con le posizioni long e short alla pari e i trader indecisi”, ha scritto la società di ricerca indipendente sulle criptovalute in una nota inviata via email.

“L’RSI [indice di forza relativa] settimanale attualmente si trova a 37, che di solito è considerato un indicatore di ipervenduto; il fatto che ogni minimo di mercato ribassista per Bitcoin sia compreso tra 29 e 35 sull’RSI settimanale suggerisce che il profilo rischio/rendimento per l’acquisto in quest’area è vantaggioso, se credi nel valore a lungo termine di questa asset class”, ha dichiarato Sotiriou di GlobalBlock .

Sven Henrich, analista tecnico e commentatore, lunedì ha twittato che è giunto il momento di iniziare a “rosicchiare” la principale criptovaluta al mondo.

Michaël van de Poppe, trader con sede ad Amsterdam, ha dichiarato su Twitter che Bitcoin è pronto per un test a 38.000 dollari e forse anche a 40.700 dollari.