Borse Ue deboli, a Piazza Affari scatta UniCredit

1' di lettura

Avvio senza slancio per i listini del Vecchio Continente, al termine di una settimana caratterizzata dall’alta volatilità, dopo le decisioni della Fed. Il petrolio torna a crescere, a Wall Street i conti Apple battono le attese

Le Borse europee iniziano senza slancio l’ultima seduta della settimana, dopo il terzo giorno di rosso di rosso a Wall Street (Dow Jones -0,02%, Nasdaq -1,40% e S&P -0,54%), causa rialzo imminente dei tassi da parte della Fed. A Milano il Ftse Mib apre a -0,18%, il Dax di Francoforte a -0,69%, il Cac 40 di Parigi a +0,37%, l’Ibex 35 di Madrid a +0,01% e il Ftse 100 di Londra a -0,18%. La Borsa di Tokyo ha chiuso in forte rialzo, con l’indice Nikkei a +2,09%, spinto dai titoli del settore auto.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

SETTIMANA VOLATILE

Sui mercati resta alta la volatilità. Nonostante i rialzi sulle piazza asiatiche, Wall Street ha fatto registrare repentini cambi di direzione nelle ultime sedute, con l’indice S&P 500 che cede il 10% dal record del 3 gennaio. I mercati, che hanno comunque recuperato le perdite di inizio settimana, restano nervosi per le preoccupazioni legate alle prossime mosse della Federal Reserve. Resta alta la tensione tra Russia e Ucraina…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.