Meme stock ancora “pericolosamente sopravvalutati”

Secondo New Constructs, a un anno di distanza dal fenomeno “meme stock”, titoli come GameStop e AMC detengono un "rischio non necessario" per gli investitori

Meme stock ancora  “pericolosamente sopravvalutati”
3' di lettura

È passato un anno dall’ascesa dei “meme stock”, che hanno incluso aumenti a tripla cifra dei prezzi delle azioni GameStop Corp. (NYSE:GME) e AMC Entertainment Holdings Inc (NYSE:AMC); sebbene entrambi i titoli siano scesi dai picchi del 2021, secondo un nuovo report potrebbe esserci altro spazio per un ribasso.

Cosa è successo

A gennaio 2021 si è verificata una delle storie più dinamiche osservate nel mercato azionario nell’ultimo decennio: un movimento di trader retail ha sfidato i grandi hedge fund e gli short seller su diversi titoli di aziende famose.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Leggi anche: AMC e GameStop potrebbero collaborare per gli NFT

Andrew Left di Citron Research era intervenuto su Benzinga YouTube per evidenziare una posizione short sulle azioni di GameStop e avvertire che il titolo era sopravvalutato: WallStreetBets e diversi gruppi di trading sfidarono Left inviando una marea di messaggi nella chat video in diretta e acquistando azioni GME nel tentativo di provocare uno short squeeze.

Per tutto gennaio e febbraio 2021 il prezzo di GameStop ha registrato un’impennata, raggiungendo un massimo di 483 dollari.

Anche altri noti titoli prediletti dagli investitori retail, chiamati “meme stock”, hanno avuto degli aumenti vertiginosi quando gli investitori si sono ammassati su titoli con forte short interest (posizioni scoperte).

La catena di sale cinematografiche AMC Entertainment è stato uno di questi titoli popolari; nel 2021 le sue azioni hanno raggiunto un massimo di 72,62 dollari.

Cosa potrebbe succedere

Nonostante la notevole flessione dai massimi nei prezzi di GameStop e AMC Entertainment, la società di ricerca New Constructs con un report mette in guardia da un ulteriore ribasso.

“La valutazione di alcuni dei meme stock più popolari, in particolare GameStop e AMC Entertainment, resta slegata dalla realtà”, ha dichiarato la società di ricerca.

New Constructs ha affermato che i meme stock detengono un “rischio non necessario” per gli investitori.

“Non vediamo un problema nel pagare un premio per un’azienda che produce solidi profitti, ma nessuno dei meme stock sta producendo solidi profitti”.

Secondo la società di ricerca, quest’anno gli investitori presteranno maggiore attenzione ai profitti e alle valutazioni rispetto al 2021, il che potrebbe presto avere un impatto sul prezzo dei meme stock.

“I meme stock come GameStop e AMC Entertainment restano pericolosamente sopravvalutati e non generano neanche lontanamente i profitti necessari per giustificare le loro valutazioni attuali”.

La società di ricerca indica un potenziale ribasso del 59% per le azioni GameStop, definendo la società un “retailer fisico in una posizione di ritardo”.

Le iniziative adottate da GameStop e AMC Entertainment per entrare nel settore degli NFT e delle criptovalute vengono liquidate dagli analisti di New Constructs come di poco conto considerati i fondamenti alla base dei loro business.

Movimento dei prezzi di GME

Le azioni GME hanno chiuso la sessione di giovedì a 93,52 dollari, rispetto a un intervallo a 52 settimane compreso tra 38,50 e 483 dollari; le azioni AMC hanno scambiato a 14,52 dollari, rispetto a un intervallo a 52 settimane compreso tra 5,26 e 72,62 dollari.