Artmarket.com: celebri artisti del calibro di Damien Hirst, Takashi Murakami e Vhils stanno entrando nel mondo degli NFT

8' di lettura

PARIGI, 4 marzo 2022 /PRNewswire/ — Un anno fa, gli NFT hanno preso d’assalto il mercato dell’arte. Le grandi case d’asta hanno ricoperto un ruolo cruciale nella diffusione di questo fenomeno: prima Christie’s, poi Sotheby’s, infine Phillips. Sono molte le gallerie d’arte a essere state subito attratte dalla novità, al punto da sviluppare, come avvenuto alla Pace Gallery, proprie piattaforme. La maggior parte, tuttavia, preferisce aspettare ancora, nonostante i loro artisti stiano già sviluppando importanti progetti digitali, portati avanti in alcuni casi in maniera indipendente.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

 

Vhils, Delphic (2012). Poster con bordi strappati, resina epossidica. Venduto il 5 maggio 2019 per $ 39.300 ©Artcurial

 

Vhils, Delphic (2012). Poster con bordi strappati, resina epossidica. Venduto il 5 maggio 2019 per $ 39.300 ©Artcurial



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Secondo Thierry Ehrmann, CEO e fondatore di Artmarket.com e del suo dipartimento Artprice: “Gli artisti sono fortemente attratti dal nuovo mercato NFT e vorrebbero testarlo. Si tratta di un fenomeno in forte crescita, in grado di coinvolgere i settori più diversificati: moda, musica, videogiochi e molti altri ancora. Tuttavia, questo universo è governato da codici specifici: per affrontarlo con successo, è necessario essere in grado di sviluppare un vero e proprio progetto digitale e riunire una community di collezionisti, redigere smart contract, e padroneggiare l’intero processo di dropping”.

Si tratta di compiti logistici normalmente gestiti da una galleria, ma finora sono stati curati dagli artisti stessi e dai loro team, con vari gradi di successo.

Grandi nomi dell’arte contemporanea

Forte dell’esperienza di collaborazione con importanti brand, l’artista giapponese Takashi Murakami ha lavorato negli ultimi mesi con lo studio RTFKT, recentemente acquisito da Nike: “Sapevo di poter imparare molto sul metaverso da questi giovani“. Alla fine di marzo 2021, Murakami aveva pubblicato 108 Flowers sulla piattaforma OpenSea, ma li ha rimossi pochi giorni dopo. La nuova collaborazione con RTFKT gli ha permesso di rielaborare le sue opere e i relativi “contratti intelligenti”, ed è ora in procinto di lanciare un nuovo drop del suo Murakami.Flowers.  

https://murakamiflowers.kaikaikiki.com/

Anche Urs Fischer ha pubblicato una collezione NFT nella primavera del 2021. In un’intervista rilasciata al Wall Street Journal, il suo gallerista Larry Gagosian ha dichiarato di volersi prendere il tempo necessario per esplorare la tecnologia NFT prima di addentrarsi in questo mondo. Nel frattempo, anche Damien Hirst ha lanciato una collezione NFT, The Currency. Seguendo le orme di Andy Warhol (la cui omonima Fondazione ha venduto cinque delle sue creazioni digitali in NFT tramite Christie’s nel maggio 2021), Damien Hirst ha creato 10.000 opere al confine tra creazioni uniche e investimenti intercambiabili, mettendo così in discussione la caratteristica di non fungibilità degli NFT: “Quando l’arte cambia e diventa valuta, e quando la valuta diventa arte“. 

https://opensea.io/collection/thecurrency

Gli street artist sono già in vantaggio

Abituati a lavorare con il supporto delle loro gallerie, ma in grado di muoversi anche senza il loro aiuto, gli artisti di strada sono meglio equipaggiati per orientarsi nella giungla degli NFT. La maggior parte di loro ha iniziando adottando pseudonimi e lavorando nell’ombra, spesso di notte, rivelando solo all’alba le nuove opere che poi fanno il giro del mondo sui social. Questo modus operandi ha molto in comune con i drop NFT.

L’artista portoghese Vhils, noto per le sue opere murali create rimuovendo materiale con uno scalpello o con l’utilizzo di esplosivi, ha chiaramente dimostrato la sua padronanza dei codici digitali. Molto attivo su Twitter, Discord e Instagram, ha già pubblicato una decina di collezioni sulla piattaforma Nifty Gateway. Le sue creazioni effimere assumono quindi un carattere del tutto nuovo, un modo alternativo di esistere nello spazio digitale. È ora possibile acquistare i video delle sue esplosioni e dei “detriti” che ne risultano.

Rievocando le sue pratiche artistiche, Vhils sta anche utilizzando una delle opzioni associate agli NFT nota come Burning, per rimuovere NFT dai contratti Blockchain. “Il Token Burning consente ai possessori di NFT dei miei precedenti drop di scambiarli con quelli nuovi e più rari. Questo processo permette ai sostenitori del mio lavoro di determinare quali pezzi vivono e quali invece periscono.

https://niftygateway.com/collections/vhilsdestroydrawing

Altri due street artist della galleria Danysz, Faile e Futura 2000, hanno emesso token sulla piattaforma Nifty Gateway, e Shepard Fairey, D*Face, Mr Doodle e persino Kenny Scharf hanno fatto lo stesso.

Gli innovatori

Daniel Arsham ha apprezzato fin da subito la possibilità di estendere il suo orizzonte nel Metaverso grazie a una collaborazione con lo studio SixN.Five. Nel maggio 2021 hanno lanciato una Open Edition intitolata Eroding and Reforming Bust of Rome (One Year): sono stati emessi 671 NFT al prezzo iniziale di 1.500 dollari, mentre il valore minimo attuale è pari a 4.900 dollari. Rappresentato dalla galleria Perrotin, Daniel Arsham ha già prodotto altre sei serie di NFT in edizioni più o meno rare, dall’opera unica intitolata Eroding and Reforming Venus of Arles (72.6 Years) a un’edizione in 200 copie, Eroding and Reforming 356.

https://niftygateway.com/profile/danielarsham/collections

Tra le proposte degli artisti contemporanei in grado di sfruttare al meglio i codici del mercato NFT, quella della Rocket Factory è senza dubbio una delle più interessanti. L’artista Tom Sachs, rappresentato dalla Thaddaeus Ropac Gallery, ha ideato 1.000 razzi composti da tre parti (ogiva, corpo e blocco di coda) che possono essere acquistate separatamente e ricombinate a creare un razzo completo, che potrà poi “decollare”; le tre parti vengono quindi cancellate e sostituite da un nuovo razzo, mentre una copia “reale” viene creata da Tom Sachs e lanciata. “Il razzo NFT completo, il suo gemello fisico (se recuperato) e il video che documenta il lancio formano una Santissima Trinità“.

https://tomsachsrocketfactory.com/how-it-works

Nonostante i problemi relativi alla sicurezza delle collezioni negli e-wallet e l’origine degli NFT sulle piattaforme (a partire da OpenSea), un numero sempre maggiore di artisti contemporanei vede un’enorme opportunità nella tecnologia NFT, che consente di inventare nuove creazioni nel Metaverso dando così vita a interi capitoli del loro lavoro fino a oggi impossibili da commerciare.

Immagine: https://imgpublic.artprice.com/img/wp/sites/11/2022/03/image1-Vhils-Delphic.jpg

Copyright 1987-2022 thierry Ehrmann www.artprice.comwww.artmarket.com

A proposito di Artmarket:

Artmarket.com è quotata su Eurolist di Euronext Parigi, SRD long only e Euroclear: 7478 – Bloomberg: PRC – Reuters: ARTF.

Scopri Artmarket e il suo dipartimento Artprice in video: www.artprice.com/video

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, è stata fondata nel 1997 dal CEO thierry Ehrmann. Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, è controllata dal Groupe Serveur, creato nel 1987.

Biografia certificata Who’s Who ©:
Biographie_thierry_Ehrmann_2022_WhosWhoInFrance.pdf

Artmarket è un operatore globale del Mercato dell’Arte che comprende, tra le altre strutture, il dipartimento Artprice, leader mondiale nella raccolta, gestione e utilizzo delle informazioni sul mercato dell’arte storico e attuale in banche dati che contengono più di 30 milioni di indici e risultati di aggiudicazione, per oltre 770.000 artisti.

Artprice by Artmarket, leader mondiale dell’informazione sul mercato dell’arte, ha come ambizione quella di diventare, mediante il suo Global Standardized Marketplace, la più grande piattaforma di NFT d’arte.

Artprice Images® consente l’accesso illimitato alla più grande banca immagini al mondo dedicata al Mercato dell’Arte: ben 180 milioni di fotografie digitali o riproduzioni incise di opere d’arte dal 1700 fino a oggi, corredate dai commenti dei nostri storici dell’arte.

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, raccoglie dati su base permanente da 6300 Case d’Asta e produce informazioni chiave sul Mercato dell’Arte per le principali agenzie di stampa e comunicazione (7.200 pubblicazioni). I 5,4 milioni di utenti (registrati + social media) hanno accesso agli annunci pubblicati dagli altri utenti. Oggi questa rete rappresenta il Global Standardized Marketplace®, leader nella compravendita di opere d’arte a un prezzo fisso o di offerta (aste regolate dai paragrafi 2 e 3 dell’Articolo L 321.3 del Codice di Commercio Francese).

Artmarket, con il suo dipartimento Artprice, ha ricevuto il marchio di Stato “Società Innovativa” dalla Banca Pubblica di Investimento (BPI) (per la seconda volta nel novembre del 2018 per altri 3 anni), che sostiene la società nel progetto di consolidamento della sua posizione come operatore globale del mercato dell’arte.

Rapporto 2020-2021 di Artprice sul mercato dell’arte contemporanea by Artmarket.com:
https://www.artprice.com/artprice-reports/the-contemporary-art-market-report-2021

Rapporto 2020 sul Mercato Globale dell’Arte di Artprice by Artmarket, pubblicato nel marzo del 2021:
https://www.artprice.com/artprice-reports/the-art-market-in-2020

Indice dei comunicati stampa pubblicati da Artmarket con il suo dipartimento Artprice:
serveur.serveur.com/Press_Release/pressreleaseEN.htm

Segui tutte le notizie sul Mercato dell’Arte in tempo reale con Artmarket e il suo dipartimento Artprice su Facebook e Twitter:
www.facebook.com/artpricedotcom/ (oltre 5,4 milioni di follower)
twitter.com/artmarketdotcom
twitter.com/artpricedotcom

Scopri l’alchimia e l’universo di Artmarket e del suo dipartimento Artprice https://www.artprice.com/video con sede presso il celebre Museo di Arte Contemporanea l’Organe “La Demeure du Chaos” (New York Times dixit): https://issuu.com/demeureduchaos/docs/demeureduchaos-abodeofchaos-opus-ix-1999-2013

Contatta Artmarket.com e il suo dipartimento Artprice – Contatti: Thierry Ehrmann, ir@artmarket.com

 

Art Market Logo