Il ribasso delle azioni può affossare le criptovalute?

Secondo un ex gestore di fondi speculativi, ecco quali saranno le conseguenze per il mercato delle criptovalute se il Nasdaq continuerà a scendere

Il ribasso delle azioni può affossare le criptovalute?
2' di lettura

Raoul Pal, ex gestore di hedge fund presso Goldman Sachs Group Inc (NYSE:GS), afferma che l’indice Nasdaq sembra essere sul punto di registrare minimi più bassi. Secondo Pal, se il Nasdaq continuerà a scendere, il ribasso del mercato azionario potrebbe minacciare le quotazioni delle criptovalute nei prossimi mesi.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Pal aggiunge che le attuali condizioni macroeconomiche indicano l’arrivo di una correzione importante, che potrebbe trascinare con sé verso il basso anche gli asset digitali.

“Vedere i titoli del settore energetico, il petrolio, le materie prime, etc. tutti in rosso inizia ad accrescere il rischio di una ‘correlazione’ completa di un panico accelerato; l’unico posto dove nascondersi saranno il dollaro e probabilmente le obbligazioni. E sì, rimarranno invischiate anche le criptovalute (ma non ci saranno nuovi minimi)”, ha dichiarato Pal. 

Inoltre, Pal afferma che se le criptovalute finiranno in una fase correttiva, questo si tradurrà in maggior un rumore all’interno della struttura di mercato complessiva.

“Sto cercando questo aspetto negativo per dispormi a strati nelle posizioni di cose in cui voglio entrare… ovviamente le criptovalute ne rimarranno invischiate e scenderanno, ma penso che in questo momento siamo tutti abituati al fatto che vadano su e giù. Non credo che verranno raggiunti i minimi, dunque ritengo che sia più che altro rumore, e ci troviamo in quest’ampio intervallo approssimativo in cui siamo stati nell’ultimo anno e qualcosa”, ha aggiunto Pal.  

Foto per gentile concessione di: su Flickr

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.