La Russia sospenderà le forniture di gas? Eni si prepara

Dopo il taglio delle forniture di gas russo a Polonia e Bulgaria, i paesi europei si stanno ora affrettando a trovare un modo per pagare in rubli come chiede Putin

La Russia sospenderà le forniture di gas? Eni si prepara
3' di lettura

Polonia e Bulgaria non riceveranno più gas russo, ha annunciato questa settimana il fornitore di gas controllato dallo stato russo Gazprom in una dichiarazione. Il motivo di questo taglio dell’offerta è dovuto al rifiuto di entrambi i paesi di pagare l’energia in rubli, come chiede Vladimir Putin.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

A fine marzo il Cremlino ha firmato un decreto che stabilisce che il pagamento del gasdotto russo fornito da aprile debba essere effettuato esclusivamente nella propria valuta, per continuare a finanziare la guerra in Ucraina.

Tuttavia, le sanzioni imposte alla Russia dai 27 paesi dell’Unione Europea vietano questa operazione. Detto questo, sorge la domanda sul perché Gazprom abbia interrotto l’approvvigionamento a questi due paesi europei in particolare, e non ad altri come l’Ungheria o la Germania. Saranno forse i prossimi? Le ultime mosse di alcune società europee del gas potrebbero fornire la risposta a questa domanda.

Violare le sanzioni dell’UE per evitare tagli al gas

Dopo la chiusura della fornitura a questi due paesi, le compagnie europee del gas hanno ora paura di rimanere senza gas russo, e per questo potrebbe esserci una rottura dell’unità europea con la Russia; qualcosa che Putin sicuramente intendeva ottenere. Attualmente, molte di queste società stanno valutando l’apertura, o hanno già aperto, conti in rubli per pagare l’energia in questo Paese; ciò rischia di minare l’unanimità nell’imposizione delle sanzioni occidentali contro l’orso.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Infatti, come hanno confermato a Bloomberg fonti vicine a Gazprom, almeno dieci buyer europei avrebbero aperto conti bancari paralleli in rubli presso Gazprombank per effettuare pagamenti, e almeno quattro di loro avrebbero già pagato con la valuta russa.

Detto questo, la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, mercoledì ha avvertito che le compagnie energetiche europee che hanno contratti in euro o dollari di “non accettare le richieste russe”, poiché, se lo facessero, violerebbero le sanzioni europee contro Mosca. “Non devono accettare le richieste russe. Sarebbe una violazione delle sanzioni e un rischio elevato per le aziende”, ha dichiarato in conferenza stampa.

Ecco le aziende che stanno cedendo alle richieste del Cremlino

Secondo il Financial Times, i distributori di gas in Germania, Austria, Ungheria e Slovacchia stanno già cercando di aprire conti in rubli presso la Gazprombank in Svizzera per soddisfare l’obbligo russo di ricevere pagamenti nella propria valuta.

Queste società includono due dei maggiori importatori individuali di gas russo: la tedesca Uniper e l’austriaca OMV. Le trattative di queste società con Gazprom si stanno intensificando con l’avvicinarsi delle scadenze di pagamento.

Allo stesso modo, la società per azioni italiana Eni, altro importante cliente di Gazprom, sta studiando le opzioni a sua disposizione. Eni ha tempo fino a fine maggio per prendere una decisione, quando scadrà il prossimo pagamento per il gas russo.

A ciò va aggiunta anche la dichiarazione del governo ungherese in cui conferma che utilizzerà il sistema di pagamento russo per pagare le importazioni di energia in rubli. “Non è per divertimento, non abbiamo scelto questa situazione”, ha affermato il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto.

In ogni caso, secondo il centro analisi Bruegel, queste società “non violerebbero formalmente le sanzioni”, pur violando i termini del contratto. Ciononostante, la Commissione Europea ha recentemente indicato che questo tipo di manovra non è autorizzato.

Con tutto questo, le compagnie europee del gas si stanno affrettando a trovare un modo per garantire la propria fornitura in una situazione complicata in cui dovranno sia cercare di ottemperare alle richieste del Cremlino e allo stesso tempo applicare le sanzioni imposte da tutta l’UE paesi contro la Russia. Una missione sempre più complessa che, a questo punto, sembra già impossibile da realizzare.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.