Un errore di copia-incolla costa $36 milioni a Juno

Ecco cos’ha portato all’erroneo trasferimento di 36 milioni di dollari in token JUNO

Un errore di copia-incolla costa $36 milioni a Juno
2' di lettura

Daniel Hwang, uno dei validatori della blockchain Juno (CRYPTO:JUNO), ha dichiarato venerdì a CoinDesk: “Abbiamo fatto una grossa ca**ata”.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo 

Mercoledì un errore di copia-incolla ha comportato il trasferimento di crypto token JUNO per un valore di 36 milioni di dollari nel wallet sbagliato.

I programmatori hanno incollato erroneamente l’indirizzo di destinazione sbagliato nel codice della Proposta 20 della blockchain; più di 120 validatori non sono riusciti a notare l’errore, che ha causato il trasferimento errato.

La Proposta 20 è stata approvata la scorsa settimana dopo che il 71% della comunità blockchain aveva votato a favore; la proposta intendeva revocare i token alla “balena Juno” Takumi Asano, accusato di aver manipolato l’airdrop di Juno per 120 milioni di dollari.

La proposta aveva lo scopo di rimuovere i “fondi manipolati” di Asano e trasferirli nel wallet Unity, controllato dalla community di Juno.

L’incidente di questa settimana implica che questi fondi sono fuori dalla portata sia della community di Juno che della balena Asano.

Gli sviluppatori intendono riscrivere il codice di Juno in modo che i fondi possano essere riassegnati all’indirizzo Unity. Questo aggiornamento pianificato, detto Proposta 21, deve essere approvato prima dalla community per avere effetto; se verrà respinto, i fondi verranno bruciati involontariamente.

Movimento dei prezzi 

Juno è una blockchain costruita nell’ecosistema di Cosmos (CRYPTO:ATOM). Al momento della pubblicazione, JUNO era in calo giornaliero dell’8% a 11,98 dollari e COSMOS cedeva l’11% a 17,85 dollari. 

Bitcoin (CRYPTO:BTC) scambiava ai minimi trimestrali di 36.260 dollari. 

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.