Crollano le crypto. Male Bitcoin, Ethereum, Dogecoin

Secondo un analista, gli investitori sono vulnerabili a “un ultimo crollo”. Ecco tutti gli aggiornamenti e i movimenti di prezzo sulle principali criptovalute

Crollano le crypto. Male Bitcoin, Ethereum, Dogecoin
4' di lettura

Bitcoin ed Ethereum si sono attestati appena al di sotto dei livelli psicologici chiave; al momento della pubblicazione, la capitalizzazione di mercato globale delle criptovalute era in calo del 2,2% a 1.200 miliardi di dollari.

Andamento dei prezzi delle principali monete
Moneta 24 ore 7 giorni Prezzo
Bitcoin (CRYPTO:BTC) +0,9% -20,1% 29.181,06 dollari
Ethereum (CRYPTO:ETH) -5,3% -28,35% 1.969,01 dollari
Dogecoin (CRYPTO:DOGE) -3,45% -33,6% 0,08 dollari
Monete in maggior rialzo nelle ultime 24 ore (dati di CoinMarketCap)
Criptovaluta Variazione % nelle ultime 24 ore (+/-) Prezzo
ApeCoin (APE) +45,8% 8,24 dollari
Quant (QNT) +17,25% 72,35 dollari
Maker (MKR) +17,2% ​1.317,02 dollari

Perché è importante 

Nel trading intraday di giovedì Bitcoin è sceso a 26.350,49 dollari ed ETH ha toccato i 1.748,30 dollari a causa di un crollo del mercato delle criptovalute. 



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Oltre 200 miliardi di dollari sono stati spazzati via dal mercato delle crypto in un solo giorno; gli investitori infatti temono le ricadute causate dalla perdita di ancoraggio al dollaro da parte di Terra USD (UST) e delle sue conseguenze sul prezzo di Bitcoin.

Il panico non ha fatto che peggiorare quando Tether (USDT), la più grande stablecoin per capitalizzazione di mercato, ha iniziato a perdere l’ancoraggio al dollaro; gli investitori hanno iniziato a riscattare la moneta in dollari.

Al momento della pubblicazione, USDT scambiava a 0,9974 dollari, con un minimo intraday di 0,9485 dollari. 

L’analista di GlobalBlock Marcus Sotiriou ha affermato in una nota che un crollo di Tether sarebbe catastrofico a causa dell’importante capitalizzazione di mercato.

“Sebbene il de-pegging di USDT sia un rischio degno di nota, sono fiducioso che l’ancoraggio di USDT verrà ripristinato poiché penso che Tether abbia un sostegno sufficiente nelle sue riserve e che i suoi meccanismi siano più sicuri della stablecoin UST”, ha detto Sotiriou.

Giovedì gli indirizzi delle principali balene di Tether hanno scaricato un totale di 710 milioni di dollari in USDT, la maggior vendita giornaliera da parte di 100.000-10 milioni di indirizzi USDT nella storia di Tether, secondo Santiment

Edward Moya, analista di mercato senior di OANDA, ha dichiarato che “ci stiamo avvicinando alla fine del sell-off di mercato”; ha aggiunto poi che il rimbalzo di Bitcoin “non durerà se la propensione al rischio non si stabilizzerà presto”.

“Bitcoin è ancora vulnerabile a un ultimo crollo che potrebbe coincidere con un sell-off del mercato azionario, prima che molti investitori in criptovaluta sentano che sia in atto il bottom”, ha scritto Moya in una nota inviata via e-mail.

Al momento della pubblicazione, l’azionario era in rialzo, con i futures sugli indici S&P 500 e Nasdaq in aumento rispettivamente dello 0,6% e dello 0,9%; secondo un report di Reuters, il rendimento dei Treasury decennali è sceso di 7,1 punti base al 2,843% a causa dei timori di recessione che hanno turbato gli investitori.

L’indice del dollaro, una misura della forza del biglietto verde nei confronti di altre sei valute, è salito a 104,22; si tratta del livello più alto da dicembre del 2002, secondo un altro report Reuters. 

Il trader di criptovalute Justin Bennett ha twittato che ci sono buone probabilità che Bitcoin possa assistere a un relief rally che andrebbe “oltre la maggior parte delle aspettative”.

Secondo l’esperto di grafici Ali Martinez, giovedì le balene di Ethereum hanno comprato sul ribasso; le balene Bitcoin intanto hanno continuato a uscire dalla rete.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.