La Cina è il 2° bitcoin miner al mondo nonostante il ban

I dati sul mining di Bitcoin in Cina sono stati rilevati dal Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index

La Cina è il 2° bitcoin miner al mondo nonostante il ban
1' di lettura

Nonostante il ban generale sulle criptovalute in Cina, molti cittadini cinesi continuano a minare Bitcoin illegalmente, secondo i dati del Cambridge Bitcoin Electricity Consumption Index (CBECI).

Cosa è successo

I dati mostrano che a gennaio 2022 la Cina era diventata il secondo maggior fornitore globale di hash rate di Bitcoin (CRYPTO:BTC); ciò è avvenuto nonostante il governo locale abbia vietato tutte le operazioni relative a criptovalute come Bitcoin, Ethereum (CRYPTO:ETH) e Dogecoin (CRYPTO:DOGE) nel Paese.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Inoltre, i dati indicano che all’inizio del 2022 i miner di Bitcoin nella nazione guidata da Xi Jinping rappresentavano il 21,1% della distribuzione globale dell’hash rate nel mining di BTC; a gennaio gli Stati Uniti guidavano la classifica con il 37,8% dell’hash rate totale, in netto aumento rispetto al 4,1% di settembre 2019.

Il report del CBECI si basa sui dati ottenuti in collaborazione con quattro importanti pool di mining: BTC.com, Poolin, ViaBTC e Foundry.

Una volta la Cina era il maggior Paese al mondo nel mining di Bitcoin, con il potere di hash rate di BTC che rappresentava oltre il 75% nel 2019, secondo il CBECI; l’hash rate è poi crollato allo 0% intorno a luglio 2021, a seguito di una serie di chiusure di mining farm nella nazione.

Movimento dei prezzi

Al momento della pubblicazione, Bitcoin era in calo giornaliero dello 0,34% a 30.264 dollari ed Ethereum era in ribasso dello 0,31% a 2.070 dollari. Dati di Benzinga Pro.

Tieniti aggiornato su tutte le ultime notizie e le idee di trading seguendo Benzinga Italia su Twitter.