Riscoprire il ciclo delle materie prime nel vasto universo dei mercati emergenti

Riscoprire il ciclo delle materie prime nel vasto universo dei mercati emergenti
1' di lettura

Gli investitori in azioni e obbligazioni dei mercati emergenti guardano ora agli impatti del rincaro delle materie prime: Sabrina Khanniche (Pictet Asset Management) segnala i paesi in via di sviluppo meno vulnerabili

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Nonostante rappresenti soltanto il 2,5% del PIL globale, la Russia produce il 13% del petrolio, il 17% del gas e il 46% del palladio. L’invasione dell’Ucraina e le sanzioni senza precedenti imposte dall’occidente a Mosca creano forti timori su una riduzione dell’offerta di materie prime sul mercato. “Stimiamo che il PIL globale possa contrarsi dello 0,4% nel 2022 se i prezzi del petrolio resteranno superiori del 50% ai livelli pre-invasione, con conseguenze sia dirette che indirette” fa sapere nell’ultimo ‘Monitor dei Mercati Emergenti’ Sabrina Khanniche, Senior Economist di Pictet Asset Management.

[–img-1–]

LA STRETTA RELAZIONE TRA RUSSIA E MERCATI EMERGENTI

Per la Russia, Pictet AM prevede che la guerra e le sanzioni possano far calare la produzione interna del 6% e spingere l’inflazione al 12%. Mosca deve inoltre fronteggiare un’insolvenza verso l’estero e una crisi della bilancia dei pagamenti. Resta il fatto che la Russia svolge un ruolo primario come esportatore di materie prime, in particolare per i paesi emergenti. “Mosca infatti, è una fonte primaria di materie prime non energetiche, tra cui metalli industriali e legname. La Russia, inoltre, con l’Ucraina è anche un importante produttore di beni agricoli come frumento, mais e olio di girasole: l’Eurasia e parti del Nord Africa dipendono in misura significativa dalle esportazioni di grano da questi due Paesi”, riferisce Khanniche…



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.