Chi è Aplo, il punto di accesso alle crypto per gli istituzionali

Di seguito, la conversazione avuta da Benzinga con l’amministratore delegato di Aplo, Oliver Yates, durante la conferenza Crypto Valley

Chi è Aplo, il punto di accesso alle crypto per gli istituzionali
6' di lettura

Benzinga, fornitore di media e dati con sede a Detroit che colma il divario tra investitori retail e istituzionali, ha inviato il suo team in Svizzera il 2-3 giugno per partecipare alla conferenza Crypto Valley.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Durante la due giorni, Benzinga ha cercato di mettere in risalto l’innovazione nel settore degli asset digitali, parlando con fondatori, investitori e non solo.

Quella che segue è una conversazione con Oliver Yates, CEO e co-fondatore di Aplo, un broker con licenza nell’Unione europea che guida gli investitori istituzionali nell’universo delle criptovalute. Ecco le sue parole.

Ciao Oliver, piacere di conoscerti. Ti va di iniziare con un’introduzione?

Oliver Yates: Sono nel settore delle criptovalute da oltre sei anni, a livello professionale.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ho iniziato in Francia, lavorando agli smart contract assicurativi su Ethereum (CRYPTO:ETH).

Era abbastanza presto per Ethereum e non c’era molto da fare; in realtà ho lavorato al protocollo in un laboratorio di ricerca su questioni di sicurezza. 

Poi, ho lavorato a San Francisco per una società chiamata Merkle Data dove creavo e vendevo segnali di trading agli hedge fund. Successivamente, dopo aver terminato gli studi, io e alcuni amici abbiamo fondato Aplo.

Questa società esiste ormai da tre anni; siamo 25 persone e continuiamo ad assumere. Abbiamo sede a Parigi, in Francia.

Come sei arrivato ad Aplo?

Negli Stati Uniti abbiamo studiato all’Università della California, a Berkeley.

È qui che abbiamo avuto l’idea di Aplo, in precedenza nota come SheeldMarket, un dark pool, e lì abbiamo lavorato un po’ con l’acceleratore blockchain.

In definitiva, si trattava di amici che volevano lavorare insieme. Eravamo stati tutti in questo settore e in Francia non c’era nessuno che facesse cose nel 2019.

Che cos’è effettivamente Aplo?

È semplice.

Siamo un punto di accesso al mercato delle criptovalute per gli investitori istituzionali. Agiamo come una controparte regolamentata che si trova al centro di tutto: invece di dover aprire 10 conti sugli exchange, gli attori istituzionali hanno bisogno di un solo conto presso di noi.

Devono solo avere un po’ di garanzie e poi hanno accesso a tutto: un’API, un’interfaccia e un regolamento dei pagamenti.

In cosa siete diversi dagli altri concorrenti sul mercato?

La differenza più grande è che siamo gli unici tra tutti questi attori ad avere una licenza nell’Unione europea.

Per coloro che non possono lavorare con attori americani, siamo la scelta giusta.

In secondo luogo, se sei un provider statunitense, non puoi davvero connetterti a tutti gli exchange asiatici come Binance, Huobi e OKX, eppure questi sono gli exchange che hanno tutte le monete e la liquidità. Siamo in grado di connetterci lì pur essendo conformi e regolamentati dalle autorità francesi.

Hai accesso a una liquidità più profonda, invece che rivolgerti a un attore americano.

È stato difficile ottenere una regolamentazione nell’UE?

Sì, è stata dura e non esiste una cornice normativa standard.

Devi scegliere. In Germania la BaFin ha una cornice per le criptovalute; poi c’è la Francia con l’AMF, che è quello che abbiamo scelto. Ci sono anche Malta, tra gli altri, che non è sullo stesso livello, e la Svizzera, che non è Unione europea.

Abbiamo scelto i francesi perché siamo francesi ed è più facile comunicare con le autorità di regolamentazione; in secondo luogo, sono gli unici con un quadro definito e chiaro.

Si può dire che al momento la Francia è una comunità finanziaria e tecnologica in forte espansione?

Sì, in qualche modo è molto attraente per il capitale straniero. Le Fintech hanno raccolto somme importanti nell’ultimo anno e mezzo e sul versante Web3 ci sono Sorare e Ledger.

Penso che la ragione principale di ciò sia il pool di analisti quantitativi e di matematici: se vai in una qualsiasi grande startup americana e guardi al team di data science o di analisi quantitativa, sono solo francesi.

Cosa offre la tua soluzione al mercato globale delle criptovalute?

Ad alto livello, hai un sacco di sedi — mercati — e poi hai protocolli che possono fungere da mercati o da fornitori di servizi.

È tutto frammentato, il che significa che qualsiasi cosa tu stia facendo in un posto non può essere trasposta in un altro. Il tuo capitale non può essere utilizzato da nessun’altra parte.

La frammentazione porta all’attrito e rende tutto più costoso. Quindi, eravamo in realtà solo un’interfaccia tra professionisti e qualunque cosa sia la DeFi, che si tratti di protocolli, criptovalute e simili.

E voi operate solo all’estero? Non avete una presenza negli Stati Uniti, giusto?

Non abbiamo clienti statunitensi, ma come sapete la maggior parte delle società di investimento in tutto il mondo ha un’entità offshore. È la stessa cosa da anni ormai. Dunque, non incorporeremo mai un cliente statunitense, ma possiamo integrare clienti provenienti da un sacco di Paesi diversi.

Sei impegnato in conversazioni riguardanti raccolte fondi o acquisizioni?

Tutti sono stati contattati per effettuare acquisizioni negli ultimi due anni.

Siamo una scommessa tecnologica a lungo termine e quindi non abbiamo bisogno di essere acquisiti per lavorare; in questa fase è più una questione di crescere e rendere sostenibile la nostra attività — di essere più di un broker principale — piuttosto che di essere acquisiti da una banca.

Come guadagnate?

Quando fai trading tramite noi, facciamo pagare una commissione trasparente. Non è necessario pagare altre tasse per la sede.

Se prendi in prestito criptovalute da noi, pagherai una commissione premium per il prestito; se ci presti criptovalute ottieni un tasso, e quindi noi guadagniamo con la differenza tra i tassi che distribuiamo e quelli che otteniamo.

Abbiamo poi alcuni servizi come i libri ombra per le fintech, per i quali pagano una tariffa SaaS.

Dato che, per così dire, riunite tutte queste sedi in una, ci sono degli sconti che trasferite dall’altra parte?

Sì. Aggreghiamo i volumi e otteniamo tassi più convenienti dagli exchange. Questo ci permette di essere competitivi sulle tariffe.

Guardando al futuro, cosa ti emoziona di più?

Idealmente, vogliamo interagire con altri protocolli DeFi; in questo momento siamo limitati ma, tra due anni, avremo alcuni protocolli DeFi liquidi abbastanza decenti che avranno uno strato KYC. Saremo in grado di sfruttarli e questo sarà ottimo per noi.

Inoltre, man mano che andiamo avanti, sarò meno coinvolto nella quotidianità e più concentrato sulla visione e sulla cultura, facendo tutto il necessario per sostenere il nostro successo.

Qualche commento sul disastro di Terra?

La metà di Terra era costituita da premi derivanti da prestiti da restituire al protocollo; l’altra metà era un regalo della fondazione stessa. Questo è insostenibile.

In fin dei conti, non esistono pasti gratis. Con le crypto non è diverso. Non esiste un rendimento del 20% senza rischi; se ti occupi di prestiti, puoi potenzialmente guadagnare il 10% ma c’è il rischio di insolvenza.

Devi fare le domande giuste: il rendimento proviene da altro se non dall’inflazione?

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.