NCR fa +13% su possibile acquisizione da parte di Veritas Capital

La notizia è stata riportata dal Wall Street Journal. Ecco i recenti risultati finanziari dell’azienda e le valutazioni di Zacks su questo e altri titoli

NCR fa +13% su possibile acquisizione da parte di Veritas Capital
4' di lettura

Martedì le azioni di NCR Corporation (NYSE:NCR) sono balzate del 12,65% dopo che il Wall Street Journal ha riferito che la società di private equity Veritas Capital è in trattative esclusive per l’acquisto dell’azienda di software e servizi per le transazioni dei consumatori.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

L’azienda, nota in precedenza come National Cash Register e fondata nel 1884, offre servizi di elaborazione dei pagamenti e di dispositivi connessi multi-fornitore, sportelli automatici, terminali POS e tecnologie self-service.

I ricavi di NCR nel primo trimestre del 2022 sono cresciuti del 21% su base annua a 1,86 miliardi di dollari, mentre gli utili non GAAP sono crollati del 35,3% a 0,33 dollari per azione. Il fatturato e gli utili hanno entrambi mancato le stime di consenso di Zacks, che si attestavano rispettivamente a 1,92 miliardi e 0,64 dollari per azione. L’azienda ha abbassato le sue previsioni di fatturato per l’esercizio 2022 a 8 miliardi di dollari dal precedente intervallo di guidance di 8-8,2 miliardi a causa di fattori contrari come il conflitto Russia-Ucraina in corso, l’inflazione e l’ondata di Omicron.

Prezzo e stime di consenso di NCR Corporation



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Negli ultimi tempi NCR sta cercando di diversificare la propria attività da prodotti incentrati sull’hardware a soluzioni di pagamento, software e servizi per i settori bancario, retail e alberghiero. A questo proposito, l’azienda ha effettuato diverse acquisizioni negli ultimi anni.

L’acquisizione più notevole è stata quella di Cardtronics nel giugno 2021, che ha ulteriormente ampliato la piattaforma di pagamento di NCR e ha aiutato l’azienda a connettersi con i clienti al dettaglio e bancari. A gennaio di quest’anno NCR ha concluso l’acquisizione di LibertyX, un fornitore leader di soluzioni di criptovaluta con sede a Miami; l’acquisizione ha ampliato le capacità di NCR nell’offrire una soluzione completa di valute digitali ai propri clienti.

Inoltre, ad agosto dell’anno scorso NCR ha acquistato Foremost Business Systems, un fornitore di soluzioni POS e ristoranti con sede a Minneapolis. A febbraio 2021 l’azienda ha acquisito Terafina, fornitore leader di soluzioni per l’apertura e l’onboarding di conti clienti attraverso canali digitali, filiali e call center. Ciò ha ampliato le capacità di vendita e marketing della piattaforma Digital First Banking di NCR.

A gennaio 2021 l’azienda ha acquisito Freshop, un fornitore di soluzioni di e-commerce di generi alimentari, per consentire un’implementazione più rapida delle funzionalità di acquisto online e di ritiro in negozio per i rivenditori, anche presso le catene di generi alimentari regionali e di piccole dimensioni.

Le suddette acquisizioni non solo hanno diversificato le attività di NCR, ma hanno anche aperto nuove strade di crescita per l’azienda; tutte queste mosse strategiche fatte per sostenere lo slancio della crescita a lungo termine potrebbero averla aiutata a rientrare nell’elenco delle acquisizioni di società di private equity come Veritas Capital.

Tuttavia, citando fonti anonime, il Wall Street Journal ha dichiarato nel suo report che un accordo potrebbe essere ancora a settimane di distanza ma, qualora si concretizzasse, sarebbe uno dei più grandi leveraged buyout (LBO) di sempre. Il Journal ha avvertito che non vi è alcuna garanzia che l’accordo andrà a buon fine perché di recente molti LBO non si sono realizzati a causa delle attuali incertezze del mercato e dell’aumento dei tassi di interesse, che hanno aumentato il costo del finanziamento.

Di recente, infatti, Kohl’s Corporation (NYSE:KSS) e Walgreens Boots Alliance (NASDAQ:WBA) non sono riuscite a concludere i rispettivi accordi di acquisizione a causa di problemi di finanziamento, ha affermato il Journal nel suo report.

All’inizio di questo mese Kohl’s aveva concluso il processo di revisione strategica senza concludere una vendita da 8 miliardi di dollari a favore di Franchise Group Inc.; prima di allora, Walgreens aveva evitato di vendere la sua catena di drugstore ‘Boots’ alle società di private equity Apollo Global e TDR poiché entrambi gli offerenti avrebbero dovuto affrontare importanti difficoltà nella raccolta dei finanziamenti per l’accordo.

Zacks Rank e titoli da considerare

Attualmente, NCR e Walgreens hanno entrambi uno Zacks Rank #3 (Hold), mentre Kohl’s ha uno Zacks Rank #5 (Strong Sell). Le azioni di NCR, WBA e KSS sono in calo rispettivamente del 20,62%, 27,11% e 39,23% da inizio anno.

Un titolo con un ranking migliore del settore tech che vale la pena considerare è Broadcom (NASDAQ:AVGO), che sfoggia uno Zacks Rank #1 (Strong Buy).

Negli ultimi 60 giorni la stima di consenso di Zacks sugli utili del terzo trimestre fiscale 2022 di Broadcom è stata rivista al rialzo del 9,9% a 9,62 dollari per azione; negli ultimi 30 giorni la stima di Zacks sugli utili di Broadcom per l’esercizio 2022 è aumentata di 0,10 dollari a 37,06 dollari per azione.

Gli utili di Broadcom hanno battuto le stime di consenso di Zacks in ciascuno dei quattro trimestri precedenti, con un earnings surprise medio del 2,2%. Le azioni AVGO sono in rosso del 22,66% da inizio anno.

Immagine proveniente da Shutterstock

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.