Trimestre deludente per Zoom, in piena transizione

Ecco perché alcuni analisti stanno tagliando il target price della società di videocomunicazioni Zoom Video Communications

Trimestre deludente per Zoom, in piena transizione
4' di lettura

La società di comunicazioni video Zoom Video Communications Inc (NASDAQ:ZM) ha riportato utili per azione (EPS) superiori alle stime; le entrate tuttavia hanno mancato le stime. Gli analisti hanno valutato l’ultimo rapporto trimestrale e le indicazioni dell’azienda.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Gli analisti di Zoom Video

L’analista di JMP Securities Patrick Walravens ha mantenuto un rating Market Perform senza target di prezzo.

L’analista di riferimento Matthew Harrigan aveva un rating Buy e ha abbassato il price target da 128 a 118 dollari.

L’analista di RBC Capital Markets Rishi Jaluria ha espresso un rating Outperform e ha abbassato il target di prezzo da 150 a 130 dollari.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

L’analista di Mizuho Siti Panigrahi aveva un rating Buy e ha abbassato l’obiettivo di prezzo da 190 a 120 dollari.

Joseph Moore di Morgan Stanley ha mantenuto la raccomandazione Overweight ma ha abbassato il target di prezzo da 140 a 130 dollari.

L’analista di Needham Ryan Koontz aveva un rating Hold e nessun target di prezzo.

Il punto di vista dell’analista 

Walravens di JMP Securities ha definito il rapporto di Zoom «peggiore del previsto» e ha sottolineato la debolezza del segmento online per la società. L’azienda ha decelerato per il sesto trimestre consecutivo, ha sottolineato l’analista.

«Zoom continua ad avere prodotti straordinari e facili da usare, incluso Zoom Phone, e il business aziendale rimane in buona salute con una crescita del 27% su base annua; i risultati complessivi in termini di entrate sono però deludenti», ha affermato Walravens.

Anche Harrigan di Benchmark ha notato che i risultati di Zoom sono stati deludenti.

Tuttavia, l’analista ha mantenuto una valutazione Buy principalmente sulla spinta dei diversi prodotti per l’azienda.

«Non siamo sorpresi dalla reazione avversa (nel prezzo delle azioni), ma in realtà vediamo Zoom guadagnare più velocemente del previsto in numerose aree di prodotto tra cui Zoom Phone, Zoom Contact Center cruciale e Zoom IQ for Sales», ha affermato Harrigan.

Zoom Phone ha superato i quattro milioni di licenze ad agosto e ha chiuso due accordi per oltre 125.000 licenze verso la fine del trimestre, evidenziando il potenziale per l’analista.

Harrigan ha affermato che il management ha posto l’accento sulle nuove iniziative per compensare il segmento online.

Jaluria di RBC Capital Market ha definito deboli i risultati del secondo trimestre e ha ridotto le indicazioni della società che preme sulle azioni.

«Anche se siamo rimasti colpiti dalle prestazioni dei telefoni, le entrate online sono state peggiori del temuto; si tratta di un ambiente difficile con un nuovo logo e un po’ di inerzia più che compensano i risultati tiepidi delle imprese e la forza dei telefoni», ha detto Jaluria.

L’analista sottolinea che la guidance per l’azienda non tiene conto del peggioramento delle tendenze macro; ma questo potrebbe essere qualcosa da tenere d’occhio per gli investitori.

«Facendo un passo indietro, siamo stati contrastati nel trimestre con una forte performance dei telefoni che ci ha resi positivi sul potenziale di crescita a lungo termine. Investimenti più elevati e debolezza online però mantengono le prospettive a breve termine faticose, per dirla con ottimismo.

Panigrahi di Mizuho ha abbassato l’obiettivo di prezzo delle azioni, ma vede una prospettiva a lungo termine migliore di quanto molti altri abbiano indicato.

«Continuiamo a considerare il FY23 come un anno di transizione poiché Zoom investe per costruire un profilo di crescita duraturo e post-pandemia attraverso molteplici leve di crescita (Zoom Phone, Zoom Rooms, Contact Center)», ha affermato Panigrahi.

L’analista ha visto un maggior numero di clienti passare da quelli gratuiti a quelli a pagamento grazie a un focus sul limite di 40 minuti per gli utenti gratuiti.

Marshall di Morgan Stanley ha affermato che gli orsi sono stati premiati dalle linee guida sugli aggiornamenti di Zoom e dalla debolezza del business aziendale.

«Siamo rimasti Overweight data la redditività del business e crediamo che qualsiasi guida verso il basso sulla linea superiore sarebbe compensata da una prospettiva più positiva sui margini operativi», ha detto Marshall.

L’analista vede Zoomtopia a novembre come un evento chiave per fornire uno sguardo più approfondito al futuro dell’azienda.

«Mentre agli investitori piace puntare alle minacce competitive per il business aziendale, l’azienda ha effettivamente superato le nostre aspettative nel trimestre».

Koontz di Needham vorrebbe vedere Zoom più aggressivo sul fronte delle fusioni e delle acquisizioni con 5,5 miliardi di dollari in contanti e valori in calo delle società di software.

«Con la crescita top-line bloccata, rimaniamo abbastanza cauti su una significativa accelerazione fino a quando la diversificazione dei prodotti non migliorerà», ha affermato Koontz.

Movimento dei prezzi di Zoom

Martedì, alla chiusura del mercato, le azioni di Zoom facevano segnare -16,54% a 81,32 dollari. Le negoziazioni fuori orario hanno visto il titolo in calo dello 0,11% a 81,23 dollari. 

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.