I REIT non quotati come investimento alternativo

Ecco tutto quel che c’è da sapere sui fondi di investimento immobiliare non quotati: cosa sono, come possono diversificare il tuo portafoglio e dove trovarli  

I REIT non quotati come investimento alternativo
7' di lettura

Dire che il 2022 è stato un anno difficile per gli investitori sarebbe un eufemismo. L’inflazione ha raggiunto i massimi degli ultimi 40 anni, spingendo al rialzo il prezzo di tutto, dai prodotti di prima necessità come grano e patate ai beni di consumo come telefoni cellulari e automobili.  

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Ciò ha influito sul mercato azionario, che ha registrato una tendenza al ribasso per quasi tutto l’anno. Generalmente questo è il momento in cui gli investitori vanno alla ricerca di investimenti alternativi.  

Per investimento alternativo si intende qualsiasi investimento diverso da azioni e obbligazioni. In questa categoria sono incluse le materie prime, i metalli preziosi e gli immobili, che forse rappresentano l’investimento alternativo più conosciuto.  

Gli investimenti alternativi sono un ottimo modo per diversificare i portafogli di investimento, dato che il loro valore non è direttamente legato alla performance del mercato azionario. Sul versante immobiliare, i fondi di investimento immobiliare (REIT) sono un ottimo punto di partenza. Continua a leggere per scoprire perché. 



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Che cos’è un REIT?

REIT è l’acronimo di Real Estate Investment Trust, ovvero ‘fondo di investimento immobiliare’. I REIT sono fondi che utilizzano strategicamente il capitale degli investitori per l’acquisto di beni immobili o asset legati al settore immobiliare. Nella maggior parte dei casi, gli asset di un REIT sono ben distribuiti dal punto di vista geografico sia per diversificare le sue partecipazioni che per massimizzare il potenziale di guadagno. 

REIT non quotati

Sebbene molti REIT siano scambiati in borsa — sono noti come REIT quotati — esiste un altro tipo di REIT meno conosciuto, chiamato REIT non quotato. Se non hai mai pensato di aggiungerli al tuo portafoglio, sappi che offrono molti vantaggi; per un investitore che cerca rifugio da un mercato azionario volatile, può valere la pena dare un’occhiata.  

Reddito passivo

Qualsiasi autore, produttore musicale o cantautore famoso ti dirà che non c’è denaro migliore di quello che arriva nella cassetta postale. Questo reddito passivo è costituito dalle royalties ottenute dai loro lavori precedenti, che giungono nella buca delle lettere sotto forma di assegno.

Sebbene oggigiorno la maggior parte dei pagamenti avvenga tramite bonifico o deposito bancario, la conclusione è che il reddito passivo è una scelta davvero vincente: le persone che lo ricevono non devono lavorare attivamente per guadagnarlo. Coloro che investono nei REIT non quotati vengono remunerati più o meno allo stesso modo. 

Coloro che investono in REIT acquistano capitale azionario nelle partecipazioni del fondo, il che dà loro diritto a ricevere una quota dei ricavi generati dagli asset: tale investimento li rende partner del fondo. In qualità di partner, gli investitori ricevono pagamenti sotto forma di distribuzioni, che di solito vengono effettuate su base trimestrale (anche se alcuni REIT pagano a cadenza mensile). Inoltre, gli investitori in REIT potranno anche beneficiare dell’apprezzamento del capitale qualora un asset detenuto dal fondo venga venduto. 

Gli investitori possono fare tutto questo senza dover esaminare gli asset, condurre la due diligence, gestire gli asset, trattare con gli inquilini o gestire la contabilità. Essere azionista di un REIT privato o pubblico non quotato dà diritto all’investitore a tutti gli aspetti migliori della proprietà immobiliare senza alcun grattacapo. Comunque, i vantaggi non finiscono qui.

Asset di alta qualità

Nella maggior parte dei casi, gli immobili detenuti dai REIT privati sono di qualità istituzionale. Ciò significa che il profilo e il potenziale di ricavo di questi asset è sufficientemente solido che i fondi istituzionali come i fondi pensione statali, i fondi pensione aziendali e le pensioni private li includono nei loro portafogli. Tra gli asset detenuti dai REIT vi sono:

  • Edifici residenziali plurifamiliari di classe A e B nelle migliori città
  • Strutture mediche come ospedali e uffici medici
  • Grandi strutture di stoccaggio
  • Centri commerciali e altre grandi attività di vendita al dettaglio
  • Poli commerciali come parchi industriali e magazzini

Tutti questi asset hanno la capacità di generare entrate mensili impressionanti, ma il loro costo è talmente elevato che la maggior parte degli investitori semplicemente non ha il capitale per acquistarli. Investimenti di qualità istituzionale come questi di solito costano decine di milioni di dollari. Quindi, come investitore comune, le possibilità che tu ne possieda anche solo uno sono remote. Per fortuna è possibile investire in REIT non quotati per un minimo di 1.000 dollari. Puoi anche puntare su REIT privati più costosi, caratterizzati da un investimento minimo compreso tra 25.000 e 100.000 dollari: pur essendo cifre più alte, rappresentano soltanto una piccola parte del costo di un asset istituzionale. 

Una gestione esperta e connessioni profonde

Il processo decisionale quotidiano nella gestione di gran parte dei REIT privati viene svolto dal socio generale. Di solito, il socio generale è una società di investimenti immobiliari con una solida esperienza nella selezione di asset di alta qualità e nella capacità di generare profitti da essi. Questi soggetti hanno anche profonde reti di contatti negli ambienti immobiliari che consentono loro di accedere a offerte che potrebbero non arrivare nemmeno sul mercato. 

In effetti, fare accordi fuori mercato per un prezzo inferiore a quello richiesto è uno degli elementi strategici chiave di molti REIT non quotati. Non solo siglano accordi istituzionali di alto livello, ma lo fanno a prezzi favorevoli agli investitori, il che genera ulteriori vantaggi per gli investitori in REIT. Tutti vogliono essere in contatto con i migliori professionisti in un settore come quello immobiliare, ma queste connessioni sono difficili da stabilire se non sei andato a scuola con loro o non hai lavorato con loro in passato. 

I REIT privati offrono agli investitori questo tipo di accesso limitato. In molti casi, una volta che sarai conosciuto dai soci generali e dalle società che sponsorizzano queste offerte, questi soggetti inizieranno a venire da te in anticipo con le loro offerte future. Ciò potrebbe darti l’opportunità di ottenere azioni privilegiate, che ti daranno diritto a un pagamento ancora maggiore rispetto a quello di una quota standard di una società a partecipazione limitata. 

Dove trovare i REIT non quotati?

Quando senti il termine REIT non quotato potresti pensare che questi strumenti siano difficili da trovare, ma la realtà è diversa. Numerose piattaforme di investimento affidabili come Fundrise, Yieldstreet e RealtyMogul offrono l’opportunità di investire in interessanti REIT non quotati. Se esamini le loro offerte, troverai una gamma incredibilmente diversificata di REIT non quotati in diversi settori immobiliari. 

Inoltre, molte di queste offerte avranno diverse strategie tra cui scegliere per personalizzare il tuo portafoglio. Sia che tu voglia attuare una strategia a valore aggiunto con un pagamento a lungo termine sull’apprezzamento della proprietà oppure una strategia core basata sulla generazione di reddito passivo, troverai un REIT adatto alle tue esigenze. La bellezza di questi REIT e il prezzo contenuto delle loro quote di ingresso ti consentiranno di diversificare il tuo portafoglio scegliendo tra diversi prodotti. 

In conclusione

Sono tempi difficili per gli investitori, ma ciò non significa che si debba subire passivamente la volatilità del mercato azionario. Se cerchi un modo per diversificare il tuo portafoglio e accedere a investimenti non correlati con il Dow Jones, il Nasdaq o altri indici azionari, i REIT non quotati potrebbero essere la scelta giusta.  

Come sempre, ricorda che non ci sono garanzie negli investimenti: anche i REIT non quotati gestiti meglio possono mancare i loro obiettivi di investimento o farti perdere denaro. Scegli con saggezza e consulta un professionista finanziario prima di investire. Ad ogni modo, in questi tempi difficili i REIT non quotati rappresentano un’ottima alternativa per continuare a far crescere la propria ricchezza. 

In evidenza questa settimana sui mercati privati del settore immobiliare:

Vuoi fare trading come un professionista? Prova GRATIS la Newsletter Premium 4 in 1 di Benzinga Italia con azionibreakoutcriptovalute e opzioni.