Nvidia pronta ad investire 10 miliardi nell’IA

Alcune prospettive in merito alla dichiarazione da 10 miliardi di dollari presentata da Nvidia

Nvidia pronta ad investire 10 miliardi nell’IA
3' di lettura

Sulla scia dei solidi risultati trimestrali, il gigante dei chip grafici Nvidia Corp. (NASDAQ:NVDA) ha presentato alla SEC una dichiarazione di registrazione S-3 per un’offerta a scaffale misto.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Nvidia, che ha sede a Santa Clara, in California, ha dichiarato di voler vendere titoli, tra cui azioni ordinarie, azioni privilegiate, azioni di deposito che rappresentano azioni privilegiate, titoli di debito, warrant, contratti di acquisto di azioni e unità di acquisto di azioni, per raccogliere un totale di 10 miliardi di dollari.

La società ha suggerito che la vendita potesse essere effettuata un po’ alla volta, con i termini da determinare al momento dell’offerta. L’offerta potrebbe comportare un particolare tipo di asset o una combinazione di questi, ha aggiunto.

Nvidia ha ora otto miliardi di azioni autorizzate e due milioni di azioni privilegiate autorizzate, con 2,47 miliardi di azioni ordinarie e nessuna azione privilegiata in circolazione.

La società ha dichiarato che avrebbe utilizzato i proventi netti come indicato nel supplemento al prospetto applicabile.

Perché è importante

Dopo due trimestri deludenti nel 2022 tra la correzione delle scorte di semiconduttori, le incertezze economiche generali e il divieto dei chip in Cina, Nvidia sembra essere sulla strada della ripresa, secondo i risultati del quarto trimestre. La pubblicazione degli utili del quarto trimestre e il commento del management nella chiamata agli utili hanno sottolineato che Nvidia ha intenzione di passare all’intelligenza artificiale in grande stile.

Dopo aver chiuso il 2022 con una perdita di poco più del 50%, le azioni di Nvidia sono in ripresa, con un aumento di circa il 59% da inizio anno.

Dopo l’annuncio di Nvidia in merito all’offerta, gli investitori hanno avuto una giornata piena, cercando di indovindare a cosa potessero servire gli ulteriori finanziamenti. «Mi chiedo se lo scaffale misto da 10 miliardi di dollari di NVDA venga messo da parte pensando a potenziali fusioni e acquisizioni. Altrimenti non hanno bisogno di soldi», ha dichiarato un trader tech, condividendo uno screenshot del flusso di cassa disponibile per l’azienda, sia effettivo che previsto fino a gennaio 2026, che mostrava che il flusso di cassa dovrebbe salire a 14,6 miliardi di dollari entro quel momento.

Il trader ha anche osservato che un portavoce di Nvidia ha affermato che l’offerta a scaffale misto sostituirà quella di marzo 2020 che scadrà il mese prossimo e consentirebbe anche all’azienda di accedere ai mercati dei capitali in caso di necessità.

Alcuni dei potenziali casi d’uso dei proventi discussi includevano un accordo relativo al software, dato che presenta un rischio minore a causa della sovrabbondanza cinese, l’integrazione verticale con l’aggiunta di un’offerta di intelligenza artificiale favolosa e rafforzata con Scale AI, una società di intelligenza artificiale con sede a San Francisco, in California, fondata nel 2016 da Alexander Wang.

Movimento dei prezzi

Nvidia, che ha chiuso la sessione di martedì in ribasso dell’1,21%, a 232,16, è scesa con un ulteriore 1,71%, a 228,20 dollari, nelle negoziazioni fuori orario, dati di Benzinga Pro.