L’inflazione negli Stati Uniti diminuisce come previsto ad aprile

Aprile segna una svolta: l'inflazione USA si allinea alle aspettative, i mercati respirano e si attendono le mosse della Fed.

L'inflazione negli Stati Uniti diminuisce come previsto ad aprile
4' di lettura

I dati sull’inflazione negli Stati Uniti per il mese di aprile sono stati ampiamente in linea con le stime degli analisti, interrompendo una striscia di tre mesi di letture superiori alle attese e riaccendendo le speranze di un ritorno all’obiettivo di inflazione del 2% della Federal Reserve.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Il mese scorso, l’indice dei prezzi al consumo (IPC) ha registrato un aumento del 3,4% rispetto all’anno precedente.

Prima del report sull’inflazione, gli operatori si aspettavano che la Fed riducesse i tassi di interesse di 50 punti base (due tagli da 25 punti base) entro la fine dell’anno, a partire da settembre. Il report sull’inflazione di aprile potrebbe rafforzare ulteriormente queste aspettative.

Contemporaneamente, il Census Bureau degli Stati Uniti ha riportato una crescita mensile piatta delle vendite al dettaglio per il mese di aprile, in netto rallentamento rispetto all’aumento dello 0,6% rivisto al ribasso e mancando la stima dello 0,4%. Escludendo le auto, le vendite al dettaglio sono aumentate dello 0,2%, in rallentamento rispetto al precedente aumento dello 0,9% ma in linea con l’aumento dello 0,2% previsto.

Report IPC di aprile: punti salienti

  • Il tasso di inflazione IPC è aumentato del 3,4% ad aprile rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, in calo rispetto al 3,5% di marzo e in linea con le previsioni di aumento del 3,4%.
  • Su base mensile, l’inflazione IPC è aumentata dello 0,3%, rallentando rispetto al precedente 0,4% e mancando il previsto 0,4%.
  • In particolare, la benzina ha registrato un’impennata del 2,8% ad aprile, in accelerazione rispetto all’1,5% di marzo.
  • Escludendo l’energia e gli alimenti, il tasso d’inflazione core dell’IPC è sceso dal 3,8% al 3,6% su base annua, in linea con il 3,6% previsto. Si tratta del tasso di inflazione core annuale più basso degli ultimi tre anni.
  • Su base mensile, l’inflazione IPC core è aumentata dello 0,3%, leggermente al di sotto del precedente 0,4% ma in linea con le stime.
  • I beni rifugio sono aumentati dello 0,4%, mantenendo lo stesso ritmo di marzo.Reazioni del mercato: Rendimenti, dollaro in calo, futures azionari in rialzo
Categoria Aprile Previsione Marzo
IPC headline (anno su anno) 3,4% 3,4% 3,5%
IPC headline (mese su mese) 0,3% 0,4% 0,4%
IPC core (anno su anno) 3,6% 3,6% 3,8%
IPC core (mese su mese) 0,3% 0,3% 0,4%

Reazioni del mercato: rendimenti, dollaro in calo, futures azionari in rialzo

Le reazioni immediate del mercato al report sull’inflazione di aprile hanno visto i rendimenti dei titoli del tesoro ridursi su tutta la linea, con il rendimento a due anni sensibile ai tassi che è sceso al 4,72%, rompendo in modo cruciale la sua media mobile a 200 giorni.

L’indice del dollaro statunitense (DXY), seguito da vicino dall’ETF Invesco DB USD Index Bullish Fund (NYSE:UUP), si è indebolito del 0,5%.

In particolare, il dollaro statunitense si è indebolito di oltre lo 0,7% rispetto allo yen giapponese.

I futures sui principali indici azionari statunitensi hanno guadagnato durante il trading pre-market. I contratti sull’S&P 500 sono saliti dello 0,3%, raggiungendo nuovi massimi storici all’apertura del mercato.

Tra le prime 100 aziende statunitensi per capitalizzazione di mercato, Tesla Inc. (NASDAQ:TSLA) è stata la migliore, in rialzo del 2,2% nel pre-market. I produttori di chip, Nvidia Corp. (NASDAQ:NVDA) e Advanced Micro Devices Inc. (NASDAQ:AMD), hanno seguito l’esempio, entrambi in rialzo di oltre l’1%.

L’indice tecnologico Nasdaq 100, seguito dall’Invesco QQQ Trust (NASDAQ:QQQ), ha chiuso mercoledì a un nuovo massimo storico e i futures erano in rialzo dello 0,5% alle 08:48 del mattino a New York. I contratti del Russell 2000 erano in rialzo di oltre l’1%.

Grafico del giorno: i rendimenti dei titoli del tesoro a 2 anni scendono sotto la media a 200 giorni mentre l’inflazione rallenta al 3,4% ad aprile


Per ulteriori aggiornamenti su questo argomento, aggiungi Benzinga Italia ai tuoi preferiti oppure seguici sui nostri canali social: X e Facebook.


Ricevi informazioni esclusive sui movimenti di mercato 30 minuti prima degli altri trader

La prova gratuita di 14 giorni di Benzinga Pro, disponibile solo in inglese, ti permette di accedere ad informazioni esclusive per poter ricevere segnali di trading utilizzabili prima di milioni di altri trader. CLICCA QUI per iniziare la prova gratuita.


Foto via Shutterstock.