Trader in attesa dei dati sull’inflazione: scenari per l’S&P 500

Scopri le aspettative sull'inflazione di giugno, le dichiarazioni di Powell e l'impatto sui mercati azionari e settori sensibili ai tassi.

Trader in attesa dei dati sull'inflazione: scenari per l'S&P 500
4' di lettura

L’importante rapporto sull’inflazione dei prezzi al consumo (CPI) negli Stati Uniti per il mese di giugno, uno dei rapporti più importanti in vista della riunione del comitato di politica monetaria della Federal Reserve del 30-31 luglio, è in arrivo oggi.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Cosa è successo

Gli economisti, in media, si aspettano un tasso di inflazione mensile dell’indice dei prezzi al consumo di giugno dello 0,1%, leggermente superiore allo 0% di maggio. Su base annua, l’inflazione dell’indice dei prezzi al consumo potrebbe essere rallentata dal 3,3% al 3,0%.

Si prevede che l’indice dei prezzi al consumo di base, che esclude i prezzi volatili di cibo ed energia, sia aumentato dello 0,2% su base mensile e del 3,4% su base annua, essenzialmente invariato rispetto ai corrispondenti dati di maggio.

I dati sull’inflazione sono importanti per il mercato, considerando le implicazioni che hanno per il tasso dei fondi federali della Federal Reserve. I funzionari della banca centrale statunitense, incluso il presidente Jerome Powell, non hanno ancora dichiarato vittoria sull’inflazione nonostante la pressione sui prezzi sia diminuita da oltre il 9% del giugno 2022. Detto ciò, l’inflazione continua a rimanere ostinatamente al di sopra della soglia del 2% indicata dalla Fed.

Martedì, in un discorso tenuto nell’ambito del suo intervento semestrale sulla politica monetaria davanti al Congresso USA, Powell ha detto: “Non ci aspettiamo che sia opportuno ridurre il range obiettivo per il tasso dei fondi federali finché non avremo maggiore fiducia che l’inflazione si stia muovendo in modo sostenibile verso il 2%”.

Ciò detto, il presidente della Fed ha chiaramente comunicato che qualsiasi cambiamento nella politica monetaria dipende dai dati in arrivo — una posizione che i funzionari della Fed mantengono da tempo. “Tuttavia, le letture più recenti sull’inflazione hanno mostrato alcuni modesti progressi ulteriori, e dati migliori rafforzerebbero la nostra fiducia che l’inflazione si sta muovendo in modo sostenibile verso il 2%”, ha detto Powell martedì.

I commenti non hanno modificato le probabilità di taglio dei tassi di interesse in vista della riunione di settembre, con il mercato dei futures che prevede ancora una probabilità del 73% di un taglio dei tassi.

Leggi anche: Elon Musk si fa beffe della previsione di Cramer su Tesla

Cosa succederà

I trader hanno scontato un movimento al ribasso dei tassi a settembre e questo è uno dei presupposti, insieme alla tecnologia dell’intelligenza artificiale, che ha portato il mercato azionario a livelli vertiginosi.

Gli indici Nasdaq Composite e S&P 500 hanno registrato record su record, mentre il Dow Jones è stato il fanalino di coda.

Presentando tutti i possibili scenari, il trading desk di JPMorgan ha indicato le probabilità di una variazione dell’S&P 500 che vanno dal -2,5% al +1,75%.

Inflazione mensile Probabilità Variazione S&P 500
<0,10% 2,50% +1,0% a +1,75%
0,10%-0,15% 15% +1% a +1,5%
0,15%-0,20% 35% +0,5% a +1%
0,20%-0,25% 30% +0,25% a +0,75%
0,25%-0,30% 15% -0,75% a -1,25%
>0,30% 2,5% -1,25% a -2,50%

A giugno i prezzi dell’energia sono aumentati a causa dei timori sulle forniture, con il petrolio greggio WTI che ha registrato un aumento del circa il 5,9% prima di chiudere il mese a 81,54 dollari. I riflettori saranno puntati sul costo degli alloggi, che molti sostengono sia la ragione per cui l’inflazione rimane ostinatamente alta. I costi degli alloggi rappresentano il 30-40% del CPI.

Il paniere del CPI include affitti e “canoni di locazione equivalenti dei proprietari” (OER), che stimano l’importo che un proprietario potrebbe far pagare se affittasse la propria casa. La componente OER è considerata da molti economisti un indicatore ritardato poiché è l’importo negoziato all’inizio del contratto di locazione, che potrebbe essere stato fissato molto prima di quel mese specifico.

Oltre all’impatto sul mercato azionario in generale, il rapporto potrebbe anche produrre una certa volatilità nei settori sensibili ai tassi di interesse come i titoli finanziari, le società altamente indebitate e le società che pagano dividendi come le utilities, i REIT e le aziende di telecomunicazioni.

L’SPDR S&P 500 ETF Trust (NYSE:SPY), un ETF che segue le performance delle azioni che fanno parte dell’indice S&P 500, ha chiuso la sessione di martedì in rialzo dello 0,10% a 555,82 dollari, secondo i dati di Benzinga Pro.

Immagine via Shutterstock

Leggi anche: Tesla svela un design “speciale” per Optimus


Per ulteriori aggiornamenti su questo argomento, aggiungi Benzinga Italia ai tuoi preferiti oppure seguici sui nostri canali social: X e Facebook.


Ricevi informazioni esclusive sui movimenti di mercato 30 minuti prima degli altri trader

La prova gratuita di 14 giorni di Benzinga Pro ti permette di accedere ad informazioni esclusive con cui ricevere segnali di trading efficaci prima di milioni di altri trader. CLICCA QUI per iniziare la prova gratuita.