4 punti sull’economia dalla testimonianza di Jerome Powell

Martedì, Jerome Powell ha risposto alle domande del Congresso in merito alle azioni intraprese dalla Federal Reserve per sostenere l'economia durante la pandemia del Coronavirus

4 punti sull’economia dalla testimonianza di Jerome Powell
1' di lettura

La Fed farà tutto ciò che è in suo potere per sostenere l’economia, ha affermato il presidente della Fed davanti al Congresso.

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

La Fed continuerà ad acquistare obbligazioni: La scorsa settimana, la Fed ha annunciato che comprerà ancora obbligazioni societarie. La Banca Centrale statunitense ha abbassato i tassi di interesse quasi a quota zero.

Di conseguenza, l’acquisto di obbligazioni rappresenterà la maniera principale in cui la Federal Reserve sosterrà la liquidità nei mercati. Man mano che la domanda inizierà a normalizzarsi, la Fed rallenterà l’acquisto di obbligazioni.

Tassi di interesse negativi: Durante la sua testimonianza al Senato, Powell ha detto che vede prove «miste» secondo cui i tassi negativi potrebbero fornire uno stimolo per l’economia.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

In passato, Powell aveva affermato di non credere che i tassi di interesse negativi siano una buona misura per gli Stati Uniti.

Sussidi di disoccupazione: Molti cittadini statunitensi perderanno una grossa somma dei loro assegni di disoccupazione a luglio.

Alla domanda sui sussidi di disoccupazione, Powell ha risposto: «Non vorreste che si riducessero a zero.» Powell deve ancora approvare un piano specifico.

Debito: Il bilancio della Fed è cresciuto a un ritmo sorprendente fino a oltre 7 trilioni di dollari. L’economia dopo il COVID-19 avrà più debito dal momento che le imprese e i consumatori si indebitano maggiormente.

«Questo non è il momento» per dare la priorità alla riduzione dei livelli di debito federale, ha dichiarato Powell.

Foto della Federal Reserve tramite Wikimedia