USPS, tra perdite finanziarie da capogiro e nuove sfide per la competitivà

Il servizio postale statunitense, United States Postal Service (USPS), lotta per rimanere a galla tra le perdite finanziarie e il mancato aiuto da parte dell'amministrazione Trump

USPS, perdite finanziarie da capogiro e nuove sfide per la competitivà a livello internazionale
7' di lettura

Il servizio postale statunitense, United States Postal Service (USPS), sta lottando per restare a galla tra le perdite finanziarie da capogiro legate alla pandemia di Coronavirus e il rifiuto dell’amministrazione Trump di concedere l’aiuto – di cui l’agenzia dichiara di aver bisogno per non fallire – entro il 30 settembre. Allo stesso tempo, a partire dal 1° luglio, l’USPS si troverà ad affrontare ostacoli competitivi sul fronte della spedizione internazionale di pacchi.

Infatti, in quella data, entrerà in vigore una nuova struttura tariffaria per lo spostamento di piccoli pacchi di basso valore che aumenterà le tariffe sulle spedizioni collegando una serie di sistemi postali di origine e di destinazione. La struttura, concordata lo scorso autunno da 192 membri dell’Unione postale universale (UPU), il gruppo che sovrintende ai sistemi postali mondiali, consente ai paesi di “auto-dichiarare” le proprie tariffe, sia immediatamente o nell’arco di un periodo di tempo di cinque anni, per l’elaborazione e la consegna di pacchi in entrata da sistemi postali stranieri. La struttura va a sostituire un programma di “spese terminali” di 50 anni in cui l’UPU ha fissato tariffe multilaterali e ha richiesto a poste stabiliti di sovvenzionare l’elaborazione e la gestione della spedizione di articoli da paesi che riteneva meno avanzati.

Il nuovo accordo consente agli Stati Uniti, e a qualsiasi paese con cui intrattiene rapporti commerciali, un aumento delle tariffe fino a un massimo del 70% di quello che verrebbe addebitato per la spedizione di posta nazionale e pacchi. In molti casi, ciò raddoppia approssimativamente i tassi che l’USPS potrebbe addebitare a paesi come la Cina, che nel vecchio sistema era ancora classificato come un paese “in via di sviluppo” e quindi ammissibile ai sussidi. Gli Stati Uniti, che gestiscono circa metà della posta mondiale, hanno minacciato di lasciare l’UPU lo scorso autunno, a meno che non fossero state eliminate le spese terminali e non fosse stato introdotto un regime di auto-dichiarazione.

Tuttavia, l’accordo consente adesso alle poste di destinazione all’estero di aumentare a loro volta le loro tariffe sul traffico originario degli Stati Uniti. Ciò fa pressione sui prezzi per l’USPS e, per estensione, sui commercianti con sede negli Stati Uniti che spediscono merci con margini di profitto ridotti, tanto per cominciare. In alcuni casi, le tariffe statunitensi in uscita da USPS potrebbero salire al di sopra dei prezzi praticati da corrieri espressi privati come DHL e United Parcel Service, Inc. (NYSE:UPS), che sarebbero noti per fornire un servizio migliore.

Le modifiche potrebbero indurre gli spedizionieri statunitensi a passare a start-up di corrieri come Passport Shipping, incentrata sull’e-commerce, oppure a operatori storici come DHL eCommerce e UPS Economy – un’unità di UPS specializzata nella gestione e nella spedizione di merci di alto volume e basso valore – per spedire le loro merci dagli Stati Uniti verso destinazioni straniere, secondo i dirigenti intervistati per questo articolo. I corrieri privati “stanno aspettando di servire i clienti USPS che ne hanno bisogno”, ha dichiarato Mark S. Schoeman, presidente di The Colography Group, Inc., una società di consulenza.

Un modo affinché i commercianti con sede negli Stati Uniti possano aggirare il programma di prezzi sarebbe quello di “mettere in scena” la merce nei paesi di destinazione o lì vicino e di evadere gli ordini secondo necessità, Schoeman ha detto. Ciò potrebbe creare utili consolidamenti delle spedizioni e migliorare tempi e costi di transito, ha affermato.

Sebbene non sia mai stato formalmente dichiarato, gli Stati Uniti hanno spinto le modifiche dello scorso anno per colpire la Cina, che origina gran parte del traffico business-to-consumer (B2C) che entra negli Stati Uniti. Per decenni, China Post, l’ente postale del Paese, ha pagato all’USPS circa il 35% di quanto è costato elaborare e consegnare i pacchi una volta arrivati negli Stati Uniti, secondo Alex Yancher, co-fondatore nonché amministratore delegato di Passport Shipping, spedizioniere che si occupa di e-commerce. USPS ha perso circa 1 dollaro su ogni spedizione cinese che gestisce, secondo i critici del programma di spese terminali. A causa delle distorsioni dei prezzi, la spedizione di un pacco da Pechino a Boston costa meno che da Detroit a Boston, hanno detto i funzionari statunitensi lo scorso anno mentre stavano spingendo il programma di riforme.

Lo schema di revisione dei prezzi che entrerà in vigore il prossimo mese consentirà all’USPS di generare maggiori entrate sulle spedizioni cinesi. Tuttavia, potrebbe danneggiare l’USPS sul traffico internazionale in uscita poiché le poste straniere potrebbero auto-dichiararsi a tassi più elevati. La notizia positiva per USPS è che gestisce importazioni che sono di gran lunga di più basso valore rispetto alle esportazioni, un riflesso del desiderio apparentemente insaziabile dei consumatori statunitensi di prodotti economici, indipendentemente dal luogo in cui questi vengano realizzati. I funzionari dell’USPS hanno rifiutato di commentare le implicazioni del nuovo regime tariffario.

Altri problemi

Il nuovo accordo commerciale USA-Messico-Canada, che entrerà in vigore, anch’esso, il 1° luglio, nasconde un ulteriore rischio per USPS. L’accordo raddoppia a 40 dollari canadesi ($30 USD) il valore delle importazioni canadesi esenti da imposte alla frontiera. Aumenta inoltre la soglia duty-free a 150 dollari da 20 dollari canadesi in base a un protocollo più comunemente noto come de minimis, che prevede che le merci al di sotto di una determinata soglia di valore siano esenti da dazi e tasse. Tuttavia, le spedizioni USPS sono escluse dal nuovo regime de minimis di Ottawa. Sebbene la soglia de minimis più alta avvantaggi gli spedizionieri e i destinatari, pone USPS in una posizione di svantaggio in merito ai prezzi rispetto ai corrieri privati, hanno detto gli esperti. La soglia de minimis per le importazioni di pacchi negli Stati Uniti è fissata a 800 dollari per spedizione.

Un problema potenzialmente più grande per USPS è il modo in cui riscuote i dazi e le tasse sulle spedizioni internazionali. Sempre più spesso, i commercianti di e-commerce sta migrando verso quello che è noto come un programma DDP (Delivery Duty Paid) in cui tali addebiti vengono raccolti sul front-end della transazione. Il DDP migliora la trasparenza, evita eventuali costi inaspettati al momento della consegna e risparmia al destinatario la seccatura di gestire il sistema postale di destinazione, hanno affermato i sostenitori. Tuttavia, USPS non riscuoterà commissioni come imposte sul valore aggiunto (IVA) prima della spedizione. Ciò può tradursi in una “brutta esperienza” per i clienti, afferma Yancher. Questo problema potrebbe sorgere per USPS il prossimo luglio, quando il Regno Unito e l’Unione Europea elimineranno le rispettive tariffe de minimis sulle importazioni di pacchi, sottoponendo potenzialmente ogni spedizione all’IVA, ha affermato Yancher.

Yancher non era eccessivamente preoccupato per l’impatto sull’USPS della nuova struttura tariffaria UPU. Le nuove tariffe varieranno in base al peso del pacco e al paese di destinazione, ha affermato. In alcune circostanze, i tassi potrebbero effettivamente diminuire, ha aggiunto. Escluse le variazioni tariffarie e altre sfide, l’USPS rimane una parte fondamentale del “mix ottimale” di servizi di spedizione che Passport raccomanda ai clienti, ha affermato Yancher.

L’ultima cosa di cui necessita USPS sono gli svantaggi di qualsiasi linea di servizio. L’agenzia sta perdendo miliardi di dollari a causa del drastico calo della posta prioritaria e di marketing mail. I funzionari postali hanno affermato che, a meno che l’agenzia non ottenga un’infusione di capitale di 75 miliardi di dollari nell’ambito del prossimo aiuto economico relativo al Coronavirus, rimarrà senza liquidità entro il 30 settembre, la fine del suo attuale anno finanziario. Tuttavia, il presidente Donald Trump ha avvertito che l’USPS non otterrà nulla se non quadruplicherà le tariffe dei pacchi. Tale mossa comporterebbe il trasferimento da parte di Amazon.com Inc. (NASDAQ:AMZN), il più grande mittente di USPS, di gran parte della propria attività in-house, hanno detto gli analisti. Sarebbe anche dannoso per i commercianti di piccole e medie dimensioni che fanno affidamento sulle tariffe di consegna economiche di USPS per offrire ai propri clienti spedizioni gratuite o a basso costo, hanno affermato gli analisti.

A livello internazionale, l’USPS è un grande utilizzatore dei ponti inferiori (lower deck o belly), delle compagnie aeree di trasporto passeggeri per il trasporto di pacchi e posta. Tuttavia, la maggior parte dei voli internazionali per passeggeri è stata chiusa a tempo indeterminato a causa della pandemia e delle successive chiusure delle frontiere. L’USPS è ricorso al noleggio di aeromobili a costi molto elevati, o al servizio di mercati come Europa e Brasile, mettendo posta e pacchi su navi oceaniche.

Nessun Articolo da visualizzare