Verizon contro l’hate speech: stop alla pubblicità su Facebook

La compagnia ha deciso di interrompere il supporto all’azienda di Menlo Park, unendosi alle aziende che supportano la campagna nata dopo l’omicidio Floyd

Verizon contro l’hate speech: stop alla pubblicità su Facebook
2' di lettura

Verizon Communications (NYSE:VZ) ha deciso di sospendere la pubblicità su Facebook Inc (NASDAQ:FB) e Instagram a sostegno di una campagna volta a limitare gli hate speech (discorsi di odio) sulla piattaforma social.

Cosa è successo

Verizon è soltanto l’ultima tra le aziende che hanno deciso di sostenere la campagna “Stop Hate for Profit”, sostenuta da diversi gruppi per i diritti civili negli Stati Uniti, secondo quanto riferisce Reuters.

Un portavoce di Verizon ha detto a Newswire: “Stiamo mettendo in pausa la nostra pubblicità fino a quando Facebook non creerà una soluzione accettabile che ci metterà a nostro agio”.

Il colosso social ha risposto alla campagna dicendo che sta lavorando con le organizzazioni per i diritti civili.

Carolyn Everson, vicepresidente del business globale di Facebook, ha dichiarato: “Rispettiamo la decisione di qualsiasi marchio e restiamo concentrati sull’importante lavoro per eliminare l’odio e per fornire informazioni sul voto fondamentali”.

Nella giornata di giovedì Meg Graham, reporter pubblicitaria e di marketing della CNBC, citando i dati di Pathmatics, ha fatto un tweet inerente all’impatto finanziario che la decisione di Verizon causerà per Facebook. Pathmatics è una società di analisi di marketing.

Perché è importante

Stop Hate for Profit accusa Facebook di consentire “l’incitamento alla violenza contro i manifestanti che lottano per la giustizia razziale in America”.

Martedì, il produttore di gelati Ben e Jerry ha annunciato il sostegno alla campagna, sostenuta da NAACP e AFL, sospendendo dunque la pubblicità su Facebook.

Altre società che si sono unite al crescente coro contro i discorsi di odio su Facebook includono Patagonia, The North Face, di proprietà di VF Corp (NYSE:VFC) e Upwork, una piattaforma di freelancing.

Movimento dei prezzi

Giovedì, le azioni Verizon hanno chiuso in rialzo dello 0,65%, a 54,28 dollari.

Nell’after-hours di giovedì, le azioni Facebook hanno chiuso in calo dello 0,92%, a 233,50 dollari. Il titolo aveva chiuso la sessione regolare in ribasso dello 0,71%, a 235,68 dollari.

Nessun Articolo da visualizzare