Facebook, accordo per streaming video con tre etichette musicali

L’intesa è stata raggiunta per permettere alla piattaforma di avvalersi dello streaming per i video musicali ufficiali

Facebook, accordo per streaming video con tre etichette musicali
2' di lettura

Facebook Inc (NASDAQ:FB) ha concluso accordi con tre grandi compagnie musicali per avvalersi del diritto di trasmettere video musicali sulla sua piattaforma social, secondo quanto riferito da Bloomberg nel tardo giovedì.

Cosa è successo

Le collaborazioni strette dalla società guidata da Mark Zuckerberg con Universal Music Group, di proprietà di Vivendi SA (OTC:VIVEF), Sony Music Entertainment di Sony Corporation (NYSE:SNE) e Warner Music Group Corp (NASDAQ:WMG) saranno probabilmente annunciate presto, secondo quanto riferito a Bloomberg da fonti ben informate.

Facebook ha chiesto ad artisti e compagnie musicali di ottenere i diritti esclusivi per i video musicali, anche se solo temporaneamente e, in alcuni casi, si è anche dichiarata disponibile a pagare i costi di produzione, affermano le fonti di Bloomberg.

Secondo quanto riferito, la compagnia di social media avrebbe promesso agli artisti e alle compagnie musicali che i loro video sarebbero stati promossi anche sulla piattaforma.

Perché è importante

Giovedì la società di Menlo Park ha pubblicato per il secondo trimestre di quest’anno utili di 1,80 dollari per azione, su un fatturato totale di 18,69 miliardi. I numeri hanno superato le aspettative degli analisti, che avevano pronosticato un utile per azione di 1,39 dollari e un fatturato di 17,4 miliardi.

Durante la chiamata degli utili Zuckerberg ha dichiarato che la piattaforma sta cercando di espandersi dal punto di vista delle funzionalità video in modo da creare una “comunità” di fan. Ha aggiunto che è “qualcosa che è molto più difficile da fare su YouTube, Twitch o su altri prodotti del genere”, ha riferito Bloomberg.

Secondo quanto riferito Facebook aveva già stretto delle partnership per i diritti di utilizzo dell’audio, ma non aveva mai raggiunto accordi simili per i video. Si dice che la pubblicità video sia molto più redditizia rispetto alle altre, ha osservato Bloomberg.

YouTube, il portale di streaming video di Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG), attualmente rappresenta il 46% di tutto il tempo di ascolto dello streaming musicale a livello globale – esclusa la Cina, secondo il portale di informazioni di settore Music Business Worldwide.

In precedenza era stato riferito che Facebook avrebbe cercato di avviare lo streaming di video musicali con licenza ufficiale entro agosto.

Movimento dei prezzi

Nel pre-market di giovedì le azioni di Facebook sono balzate del 5,5%, a 247,50 dollari.