Apple acquista la startup Mobeewave per $100mln

L’acquisizione permetterà ad Apple di offrire un servizio di pagamento contactless sfruttando un secondo smartphone, che si interfaccerà tramite NFC

Apple acquista la startup di pagamenti mobile Mobeewave per 0mln
2' di lettura

Secondo Bloomberg, Apple Inc. (NASDAQ:AAPL) avrebbe acquistato la startup di pagamenti mobile contactless Mobeewave Inc. per 100 milioni di dollari.

Cosa è successo

Secondo quanto riferito, la compagnia guidata da Tim Cook dovrebbe mantenere i membri del team di Mobeewave che continuerà a operare dalla sua base di Montreal, in Canada.

“Di tanto in tanto Apple acquista aziende tecnologiche più piccole e generalmente non discutiamo dei nostri scopi o dei nostri piani”, ha dichiarato in una nota un portavoce dell’azienda con sede a Cupertino, un messaggio che in genere viene ribadito quando l’azienda intende confermare un acquisto.

Il produttore di smartphone ha già un servizio Apple Pay sui suoi iPhone dal 2014 e potenzialmente potrebbe utilizzare la tecnologia di Mobeewave per consentire a questi dispositivi di accettare pagamenti senza usare hardware aggiuntivo, ha osservato Bloomberg.

Perché è importante

La tecnologia della startup di Montreal consente a smartphone e carte di credito di effettuare pagamenti utilizzando un secondo smartphone con tecnologia NFC (Near Field Communications) senza hardware aggiuntivo.

Square Inc (NYSE:SQ), guidata da Jack Dorsey, compete nello spazio dei pagamenti mobili, ma il suo sistema di pagamento utilizza hardware.

L’anno scorso Mobeewave ha consentito ai telefoni Samsung Electronics Co Ltd (OTC:SSNLF) di utilizzare la sua tecnologia. Il titano tecnologico sudcoreano è anche investitore nella società di pagamenti, che finora ha raccolto 20 milioni di dollari, secondo quanto rivelato dai dati di Pitchbook.

A marzo Apple ha acquisito l’app meteo iperlocale Dark Sky e a maggio la startup di realtà virtuale NextVR.

La scorsa settimana Cook e gli amministratori delegati di Facebook Inc (NASDAQ:FB), Amazon.com, Inc (NASDAQ:AMZN) e Alphabet Inc (NASDAQ:GOOGL) (NASDAQ:GOOG) sono apparsi davanti alla sottocommissione antitrust della Camera degli Stati Uniti. Durante l’audizione sono state poste domande in riferimento alle preoccupazioni di carattere antitrust relative alle acquisizioni del colosso tech.

Movimento dei prezzi

Venerdì scorso le azioni Apple hanno chiuso in rialzo di quasi il 10,5%, a 425,04 dollari, e nel pre-market di lunedì hanno guadagnato quasi lo 0,8%.

Foto di Marco Verch su Flickr.