TikTok, si dimette il CEO Kevin Mayer dopo pressioni USA

Il CEO ha preso questa decisione in seguito all’ordine esecutivo di Donald Trump che impone la vendita del business USA dell’azienda entro 90 giorni

TikTok, si dimette il CEO Kevin Mayer dopo pressioni USA
2' di lettura

Kevin Mayer, amministratore delegato di TikTok, ha dichiarato in un promemoria interno all’azienda che si dimetterà dalla guida del social network, secondo quanto riportato dal Financial Times giovedì.

Cosa è successo Secondo fonti anonime del FT, Mayer, ex dirigente di Walt Disney Co (NYSE:DIS), ha preso la decisione di lasciare TikTok dopo che il presidente Donald Trump ha ordinato il bando dell’app, la cui società madre è attualmente ByteDance, a meno che non venga trasferita la proprietà a una società statunitense entro 90 giorni dalla promulgazione dell’ordine.


Secondo quanto riferito, l’amministratore delegato ha rivelato la sua decisione di dimettersi in una lettera ai dipendenti e ha affermato che Vanessa Pappas, direttore generale di TikTok, guiderà la piattaforma.

“Capisco che il ruolo per il quale ho firmato, inclusa la gestione di TikTok a livello globale, sarà molto diverso a seguito dell’azione di spinta alla vendita delle attività statunitensi da parte dell’amministrazione USA”, ha scritto nella lettera il CEO dimissionario, secondo quanto riporta il FT.

Perché è importante All’inizio di questo mese Trump aveva firmato un ordine esecutivo secondo il quale avrebbe represso in modo effettivo le operazioni di TikTok negli Stati Uniti a meno che la società madre ByteDance non avesse effettuato una vendita entro 45 giorni dalla firma dell’ordine. Il presidente USA ha accusato la compagnia di sottrarre un'”ampia mole di informazioni” ai suoi utenti e di eseguire gli ordini del Partito Comunista Cinese.

Oracle Corporation (NYSE:ORCL), Microsoft Corporation (NASDAQ:MSFT) e Twitter Inc (NYSE:TWTR) sarebbero in corsa per acquisire le attività di TikTok negli Stati Uniti e in molti altri Paesi.

Gli investitori di ByteDance Sequoia e General Atlantic stanno dando supporto all’offerta di Oracle, nella speranza di entrare a far parte della dinamica di acquisto, come precedentemente riferito dal FT.