Tesla, 2020 con ottimi numeri dalla Corea del Sud

Secondo un recente report, l’azienda di Palo Alto è quella che ha realizzato il maggior numero di vendite di veicoli elettrici nel mercato sudcoreano

Tesla, 2020 con ottimi numeri dalla Corea del Sud
1' di lettura

Quest’anno Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) ha registrato un’importante crescita in Corea del Sud grazie alla crescente domanda di veicoli elettrici nel Paese, secondo quanto riportato lunedì (ora di Seoul) dall’agenzia di stampa Yonhap.

Cosa è successo: fra gennaio e settembre la casa automobilistica guidata da Elon Musk ha infatti venduto in Corea del Sud 10.518 veicoli, ovvero il 79,6% di tutte le vendite di veicoli elettrici realizzate nel Paese, secondo i dati del settore riportati da Yonhap.

A settembre Tesla ha venduto 2.056 veicoli, pari al 91% di tutte le vendite di auto elettriche nel mese in Corea del Sud.

Tesla vende i veicoli Model 3, Model S e Model X in Corea del Sud al prezzo rispettivamente di 44.000, 102.600 e 108.900 dollari, ha osservato Yonhap.

Secondo quanto riferito, i clienti dei modelli più economici potranno usufruire di sussidi per un importo di 7.200 dollari dal governo di Seul e di 9.000 dollari dai governi provinciali.

Perché è importante: questo mese è stato riferito che Tesla è risultata l’unica casa automobilistica a registrare una crescita delle vendite in Germania, battendo i suoi rivali nazionali e internazionali come Bayerische Motoren Werke AG (OTC:BMWYY) e Volkswagen AG (OTC:VWAGY).

Il colosso automobilistico sudcoreano Hyundai Motor Co (OTC:HYMTF) potrebbe però rivelarsi un importante concorrente di Tesla, con il suo marchio dedicato di veicoli elettrici a batteria, ‘Ioniq’, svelato ad agosto.

Nella prima metà di quest’anno LG Chem Ltd, azienda locale di produzione batterie che annovera tra i suoi clienti proprio Tesla, è emersa come il principale fornitore mondiale di batterie per veicoli elettrici.

Movimento dei prezzi: venerdì le azioni Tesla hanno chiuso in ribasso di quasi il 2%, a 439,67 dollari, e nell’after-market hanno poi perso un altro 0,33%.