AT&T: per il CEO i colossi tech hanno troppo potere di mercato

Secondo l'amministratore delegato i collossi tech avrebbero troppo "potere di mercato" sullo streaming

AT&T: per il CEO i colossi tech hanno troppo potere di mercato

HBO Max, servizio di streaming video di proprietà del colosso delle telecomunicazioni AT&T & Inc (NYSE:T), sta attirando spettatori ma risulta in svantaggio rispetto a giganti tech quali Apple Inc. (NASDAQ:AAPL), Amazon.com, Inc. (NASDAQ:AMZN) e Alphabet Inc (NASDAQ:GOOG) (NASDAQ:GOOGL), come dichiarato lunedì da John Stankey, amministratore delegato di AT&T.

Stankey ha affermato che Apple e Amazon dovrebbero essere sottoposte ad esame rigoroso per via della loro capacità di limitare i servizi sulle loro piattaforme, ha riferito il Wall Street Journal (WSJ).

Cosa è successo: lunedì, in occasione del Tech Live (evento annuale organizzato dal WSJ), Stankey ha chiesto “A volte è proprio in questi accordi commerciali che si presentano questi ostacoli. Dovremmo chiederci: questo attrito è dovuto a qualcuno che si sente potente e che forse hanno un potere di mercato superiore a un limite ragionevole per l’innovazione?”

AT&T sta cercando di far crescere il suo servizio di streaming HBO Max, che offre maggiori contenuti da guardare e migliori profitti per AT&T rispetto ai contenuti più ridotti di HBO distribuiti attraverso i partner via cavo.

A giugno HBO Max aveva 4,1 milioni di abbonati, una piccola parte rispetto ai 36 milioni di abbonati a pagamento di HBO, secondo il WSJ.

Commentando le prestazioni del servizio, Stankey ha affermato che si è andati “ben oltre il nostro obiettivo di avere più di un’ora di engagement”, ma “abbiamo ancora del lavoro da fare per portare a termine l’ampiamento”.

HBO Max ha incontrato diversi ostacoli negli ultimi mesi, con Amazon e Roku Inc (NASDAQ:ROKU) che non hanno consentito ad HBO Max di essere presente sulle loro piattaforme, come riferito dal WSJ.

Perché è importante: la pandemia ha modificato il modo in cui vengono consumati i contenuti; anche i ricavi della pubblicità e dei lanci cinematografici sono crollati.

Il successo del servizio di streaming video diventerà ancora più importante per AT&T dopo l’acquisizione delle unità Turner e Warner Bros.

“Volevamo che la società operasse davvero come un’entità unica”, ha detto Stankey.

Movimento dei prezzi: nella sessione pre-market di martedì le azioni AT&T sono in aumento dello 0,45%, a 27,01 dollari.

Foto per gentile concessione: Flickr