Prima dell’apertura di Wall Street, 2 novembre 2020

Un’occhiata ai mercati; futures azionari USA in territorio positivo, attenzione degli investitori rivolta alle elezioni presidenziali statunitensi

Sedute USA
3' di lettura

Movimenti in pre-apertura

Ricevi una notifica con le ultime notizie, i nostri articoli e altro ancora!

Nei primi scambi pre-market i futures azionari statunitensi sono in territorio positivo, dopo il forte calo della settimana precedente dovuto alla recrudescenza della pandemia di Covid-19 e alle incertezze legate alle elezioni presidenziali; gli investitori sono in attesa dei resoconti degli utili di Estée Lauder Companies Inc (NYSE:EL), Charter Communications Inc (NASDAQ:CHTR), Paypal Holdings Inc (NASDAQ:PYPL), Clorox Co (NYSE:CLX) e US Foods Holding Corp (NYSE:USFD) .

L’indice PMI manifatturiero di ottobre verrà comunicato alle 9:45 ET, mentre l’indice ISM Manufacturing Composite, sempre per il mese di ottobre, sarà diffuso alle 10:00 ET. I dati sulla spesa per la costruzione di ottobre verranno resi noti alle 10:00 ET.

I futures sull’indice Dow Jones hanno guadagnato 364 punti, attestandosi a 26.758, mentre quelli sull’S&P 500 sono in aumento di 40,30 punti, a quota 3.305. I futures sul Nasdaq sono in rialzo di 123,75 punti, a 11.170.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

Ad oggi negli Stati Uniti è stato registrato il numero più alto di casi e di decessi per coronavirus al mondo, con un totale di oltre 9.208.870 contagi e circa 231.000 vittime. Intanto l’India ha confermato almeno 8.229.310 casi di COVID-19, mentre il Brasile ha registrato un totale di oltre 5.545.700 casi confermati.

I prezzi del petrolio sono scesi, coi futures sul Brent in calo del 2,2%, a 37,09 dollari al barile; i futures sul WTI hanno registrato un ribasso del 2,7%, a 34,81 dollari al barile. Questa settimana il numero totale di piattaforme petrolifere attive negli Stati Uniti è aumentato di 10 unità, a 221 piattaforme, secondo quanto riferito da Baker Hughes Inc.

Uno sguardo ai mercati globali

Oggi i mercati europei sono in aumento: l’indice spagnolo Ibex sale dello 0,8%, lo STOXX Europe 600 guadagna l’1%, l’indice francese CAC 40 registra un incremento dello 0,3%, il tedesco DAX 30 segna +1,6% e il FTSE 100 di Londra ha una crescita dell’1,4%. Ad ottobre l’attività manifatturiera tedesca è leggermente migliorata, a quota 58,2. Il primo ministro britannico Johnson ha annunciato un lockdown di un mese a partire dal 5 novembre in quanto i casi di Covid-19 nel Paese hanno superato il milione di unità.

Anche i mercati asiatici si sono mossi in rialzo: l’indice giapponese Nikkei è salito dell’1,39%, il cinese Shanghai Composite ha guadagnato lo 0,02%, l’Hang Seng di Hong Kong ha fatto segnare +1,46%, mentre l’indiano BSE Sensex e l’australiano S&P/ASX 200 sono entrambi cresciuti dello 0,4%. Ad ottobre l’indice PMI manifatturiero del Giappone è migliorato a 48,7, battendo le stime di consenso ferme a 48; nello stesso periodo, l’attività manifatturiera cinese ha accelerato al ritmo più veloce da quasi un decennio.

Raccomandazioni degli analisti

Gli analisti di Piper Sandler hanno declassato Aon Plc (NYSE:AON) da Overweight a Neutral e hanno abbassato il prezzo obiettivo da 228 a 187 dollari.

Venerdì le azioni Aon hanno perso l’1,3%, in chiusura a 184,01 dollari.

Ultime notizie

  • Nielsen Holdings PLC (NYSE:NLSN) ha annunciato l’intenzione di vendere la sua unità di dati sui beni di consumo per 2,7 miliardi di dollari ad Advent International.
  • Domenica Stonepeak Infrastructure Partners, società di private equity con un portafoglio di investimenti infrastrutturali, ha annunciato l’acquisizione della società di TV via cavo Astound Broadband per 8,1 miliardi di dollari, prezzo che include anche il debito di quest’ultima.
  • Secondo quanto riportato lunedì da Nikkei Asia, Nidec Corporation costruirà uno stabilimento da 1,9 miliardi di dollari in Siberia per la produzione di motori per veicoli elettrici, nel tentativo di consolidare la propria presenza sui mercati europei.
  • JPMorgan Chase & Co (NYSE:JPM) ora controlla il 71% della sua joint venture cinese in strumenti finanziari, in seguito all’acquisizione di una quota del 20% da un partner locale, secondo quanto riportato domenica da Reuters.