TSLA: Tesla nell’S&P 500, veicoli elettrici ‘il nostro futuro’

Gli analisti reagiscono all’ingresso della casa di Palo Alto nell’indice, spiegando che si tratta della conferma che le auto elettriche sono il futuro

TSLA: Tesla nell’S&P 500, veicoli elettrici ‘il nostro futuro’

La notizia che Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) sarà presto inclusa nell’indice S&P 500 ha portato euforia tra alcuni analisti che tuttavia si chiedono anche come questo cambiamento possa influenzare l’indice.

Riconoscimento a lungo termine per il mercato dei veicoli elettrici: l’inclusione nell’indice della società guidata da Elon Musk è “conferma”, “dichiarazione” e “riconoscimento” che “i veicoli elettrici sono il nostro futuro e che stanno finalmente diventando popolari”, secondo Joanne Lipman, giornalista dell’Institute for Advanced Study, come riferito lunedì dalla CNBC.

“Tutte le altre case automobilistiche che si stanno impegnando per competere con Tesla… Gran parte di tutto questo ha a che fare con il carisma di Elon Musk… La gente sta cercando di avere il prossimo Henry Ford”, ha detto Lipman.

Aswath Damodaran, professore di finanza presso la Stern School Of Business della New York University, ha ipotizzato che, quando si parla di veicoli elettrici come mercato del futuro, Tesla sarà “il leader” ma anche altri produttori di auto, tra cui General Motors Company (NYSE:GM), Ford Motor Company (NYSE:F) o Volkswagen AG (OTC:VWAGY), ne trarranno vantaggio.

S&P 500 sconcertato: Jim Cramer, conduttore del programma ‘Mad Money’ in onda sulla CNBC, pensa che l’S&P 500 sia confuso e che non sappia come gestire l’inclusione di Tesla.

“Non so cosa faranno. Voglio dire… non possono far fuori i più piccoli. Non serve a nulla. Quando bilanceranno questo… sembra quasi che dovranno rimpicciolire tutto”, ha spiegato Cramer.

Tiffany McGhee, amministratrice delegata di Momentum Advisors, ha rivelato che tutta la situazione è “interessante” per lei: “[i fondi indicizzati] dovranno vendere posizioni per imitare l’indice”, ha spiegato McGhee; “dovranno acquistare Tesla”.

Benjamin Lau, direttore degli investimenti di Apriem Advisors, ha rivelato di essere preoccupato per il modo in cui l’inclusione di Tesla ha influenzato i loro fondi indicizzati e le partecipazioni passive più “di ogni altra cosa”; Lau pensa che i fondi e le partecipazioni potrebbero diventare più volatili, come riporta il Wall Street Journal.

Non si tratta di una sorpresa: Josh Brown, amministratore delegato di Ritholtz Wealth Management, rimane indifferente agli sviluppi in corso: “se gestisci denaro attraverso una strategia indicizzata, non è come ai vecchi tempi quando avveniva l’annuncio e tu dovevi comprare quel giorno”.

Brown ha affermato che non sarebbe sorpreso se i fondi avessero effettuato alcuni “scambi anticipatori” un paio di mesi fa, quando era “ovvio che [l’S&P 500] avrebbe dovuto aggiungere la società”.

“Credo che tutti sapessero che era solo questione di tempo, dunque non lo vedo davvero come un catalizzatore per volerlo comprare o vendere”, ha detto Brown.

Movimento dei prezzi: martedì le azioni Tesla hanno chiuso con un aumento dell’8,21%, a 441,61 dollari, e nell’after-hours sono poi scese dello 0,75%.