Tesla, Wedbush alza target price rialzista a $1.000

Gli analisti hanno aumentato l’obiettivo di prezzo sulla base delle prospettive del gruppo di Palo Alto nei mercati cinese ed europeo

Tesla, Wedbush alza target price rialzista a $1.000
2' di lettura

È probabile che Tesla Inc (NASDAQ:TSLA) raggiunga l’obiettivo di un milione di consegne entro il 2023, anche se il traguardo nel 2022 non è da escludere, secondo quanto affermato dagli analisti di Wedbush Securities, che hanno aumentato il prezzo target rialzista per la casa automobilistica da 800 a 1.000 dollari.

Cosa dicono gli analisti su Tesla: Daniel Ives ha mantenuto la raccomandazione Neutral sulla società guidata da Elon Musk e ha aumentato il target price da 500 a 560 dollari.



Ti piacciono le crypto e vuoi cominciare a fare trading? Sulla piattaforma di eToro puoi scambiare oltre 60 diverse criptovalute!

La tesi su Tesla: Ives ha osservato una curva di adozione più ripida per i veicoli elettrici nei prossimi 18-24 mesi, con l’Europa e la Cina a sostenere la crescita.

L’analista ha descritto la Cina come una “opportunità di mercato per le auto elettriche ancora poco esplorata”; l’analista di Wedbush ritiene che “nei prossimi anni le vendite complessive di veicoli elettrici potrebbero raddoppiare nella regione, data la domanda repressa di veicoli elettrici per tutte le fasce di prezzo”.

Sebbene l’impronta della Gigafactory di Shanghai di Tesla costituisca un “importante vantaggio competitivo”, secondo Ives altre aziende che trarranno vantaggio dalla domanda in forte espansione nel 2021 e nel 2022 includono BYD Company Limited (OTC:BYDDF), Nio Inc (NYSE:NIO), XPeng Inc (NYSE:XPEV) e Li Auto Inc (NASDAQ:LI).

La maggiore spinta dell’Europa verso la riduzione dell’impronta di carbonio, insieme agli elementi “catalizzatori di tipo normativo” da parte dell’Unione Europea, dovrebbero sostenere l’attenzione dei consumatori nei confronti dei veicoli elettrici, in particolare in Francia, Germania, Italia e Regno Unito, ha spiegato l’analista in una nota; “la fabbrica di Tesla a Berlino rappresenta un importante passo nella giusta direzione, che guardando al futuro farà aumentare i margini e semplificherà la logistica/le consegne in tutta Europa”, ha scritto Ives.

L’analista di Wedbush ritiene inoltre che la prossima amministrazione Biden potrebbe aumentare i crediti fiscali e gli incentivi per le auto elettriche negli Stati Uniti alimentando così l’adozione dei veicoli elettrici a partire dal prossimo anno, il che sarebbe positivo per Tesla.

Movimento dei prezzi: venerdì le azioni Tesla hanno chiuso in ribasso di circa l’1,9%, a 489,61 dollari, e nell’after-market hanno poi guadagnato lo 0,2%.

Guarda anche: Elezioni USA e impatto sul mercato dei veicoli elettrici