Nio, offerta secondaria di azioni a sconto del 7%

La nuova offerta ampliata dell’azienda consta di 68 milioni di azioni

Nio, offerta secondaria di azioni a sconto del 7%
1' di lettura

Nel pre-market di lunedì le azioni di Nio Inc – ADR (NYSE:NIO) sono in ribasso, dopo che l’azienda cinese produttrice di veicoli elettrici ha fissato il prezzo dell’offerta azionaria ampliata proponendo uno sconto.

Cosa è successo: Nio ha dichiarato di aver valutato il prezzo della sua offerta da 68 milioni di ADS – ognuna delle quali rappresenta un’azione ordinaria di Classe A della società – a 39 dollari, dunque con uno sconto del 7,1% rispetto al prezzo di 41,98 dollari con cui il titolo ha chiuso le contrattazioni venerdì.

La dimensione dell’offerta rappresenta una revisione al rialzo rispetto ai 60 milioni di azioni che inizialmente l’azienda prevedeva di vendere.

Al prezzo d’offerta, la società dovrebbe raccogliere proventi lordi per circa 2,653 miliardi di dollari.

La stima non tiene conto dei 10,2 milioni di azioni aggiuntive che la società ha accantonato per coprire un’eventuale sovrassegnazione (over-allotment).

Perché è importante: l’offerta, la terza dell’anno per Nio, potrebbe tornare utile per l’azienda al fine di perseguire il progresso tecnologico, migliorare il servizio clienti ed entrare in nuovi mercati.

Secondo un rapporto di CNTech Post, Nio è vicina a iniziare la propria espansione in Europa.

Il 9 dicembre Zhang Hui, direttore generale di Nio in Germania, ha recentemente tenuto una riunione video con Wang Weidong, consigliere commerciale dell’ambasciata cinese in Germania, per discutere i piani di espansione dell’azienda, secondo quanto afferma il rapporto.

Di recente, i competitor di Nio, Xpeng Inc – ADR (NYSE:XPEV) e Li Auto Inc. (NASDAQ:LI), hanno rispettivamente raccolto 2,36 miliardi e 1,36 miliardi di dollari in offerte azionarie secondarie.

Movimento dei prezzi di NIO: nel pre-market di venerdì le azioni Nio hanno perso il 5,05%, a 39,86 dollari.

Link correlato: Tesla, vendita azionaria da 5 miliardi di dollari

Foto di cortesia.