Affirm, 1,2 miliardi di dollari raccolti dall’IPO

Il mercato delle offerte pubbliche iniziali riparte da dove si era chiuso nel 2020; la valutazione della società è ora di 11,9 miliardi di dollari

Affirm, 1,2 miliardi di dollari raccolti dall’IPO
2' di lettura

Martedì la società di prestiti online Affirm Holdings Inc. (NASDAQ:AFRM) ha annunciato di aver raccolto circa 1,2 miliardi di dollari, valutando la propria offerta pubblica iniziale (IPO) a 49 dollari per azione, al di sopra dell’intervallo previsto di 41-44 dollari.

Cosa è successo: Affirm è una società fintech che fornisce prestiti rateali agli acquirenti online guidata da Max Levchin, co-fondatore di PayPal Holdings Inc (NASDAQ:PYPL).

L’IPO valuta Affirm 11,9 miliardi di dollari sulla base delle azioni circolanti; la sua valutazione completamente diluita, comprese le opzioni e le azioni vincolate, è di circa 15 miliardi, secondo Bloomberg.

Mercoledì la società inizierà le contrattazioni sul Nasdaq con il ticker ‘AFRM’.

Affirm è una delle prime di una serie di società che si quoteranno in Borsa quest’anno; la sua IPO mostra quanto il mercato sia propizio per le compagnie tech, proprio come nel 2020, quando le varie aziende hanno complessivamente raccolto oltre 159 miliardi di dollari.

Affirm è stata fondata nel 2012 da Max Levchin; il co-fondatore di PayPal è il secondo maggiore azionista di Affirm, secondo i documenti presentati.

Perché è importante: Affirm è in voga fra gli esercenti che lavorano online; infatti, sono più di 6.500 quelli che utilizzano la piattaforma, secondo il prospetto dell’azienda.

Affirm offre agli acquirenti online un allettante prodotto “compri ora, paghi dopo” per l’acquisto di articoli di grandi dimensioni, il cui pagamento può essere scaglionato; in cambio Affirm addebita agli esercenti una commissione, come riporta il Financial Times.

La società guadagna principalmente dalle commissioni sugli esercenti, il che si traduce in un pagamento a interessi zero da parte dei clienti; Affirm offre anche prestiti a interesse senza penali per i pagamenti ritardati.

Una parte dell’attività di Affirm proviene dalle vendite realizzate attraverso l’azienda di fitness Peloton Interactive Inc (NASDAQ:PTON), che a giugno 2020 rappresentava il 28% dei suoi ricavi annuali.

Nei 12 mesi fino a giugno 2020, Affirm ha registrato ricavi per 510 milioni di dollari e ha riportato perdite per 113 milioni.

La compagnia è diventata popolare grazie al boom dello shopping online ma il suo è un settore competitivo con attori affermati come PayPal, che offre alternative di pagamento posticipato simili.