Draghi al Senato: “Per chi sostiene il governo l’euro è irreversibile”

1' di lettura

Focus sul ruolo che l’Italia da paese fondatore può giocare nel progresso dell’integrazione europea. Per BlueBay è l’uomo giusto al momento giusto, ha suscitato forti attese che andranno confermate nei risultati

Impegno europeo all’altezza della storia di un Paese fondatore dell’Unione, irreversibilità dell’euro, priorità ai vaccini come premessa per la ripartenza dell’economia, riforma fiscale, investire in formazione le risorse che arriveranno dal Newxt Generation EU. Mario Draghi ha fatto il suo esordio in Parlamento da presidente del Consiglio in Senato dove ha chiesto la fiducia per realizzare un programma a fortissima ispirazione europea ma anche nella ricerca del consenso e del sostegno più ampio possibile delle forze politiche.

RICHIAMO ALL’EURO

A diversi osservatori il passaggio sull’euro irreversibile è apparso un richiamo diretto soprattutto al leader della Lega Matteo Salvini, passato dai toni euroscettici della primavera estate del 2018 in occasione della formazione del governo ‘giallo-verde’ con il M5S all’appoggio senza condizioni a Draghi, il cui prestigio in Europa e nel resto del mondo è legato soprattutto all’impresa di aver ‘salvato’ la moneta unica durante la crisi del debito sovrano del 2012 con il famoso ‘wathever it takes’ pronunciato da presidente della Bce…

Continua la lettura

Il presente articolo è stato redatto da FinanciaLounge.com.