Exchange di criptovalute chiede restituzione Bitcoin

Un problema tecnico della piattaforma filippina PDAX ha portato allo scambio di Bitcoin con uno sconto dell'88% sul prezzo attuale

Exchange di criptovalute chiede restituzione Bitcoin
2' di lettura

Cosa è successo: PDAX, la maggiore piattaforma di scambio criptovalute del Sud-est asiatico – con sede nelle Filippine – ha subito un guasto tecnico che ha portato a scambiare Bitcoin a 6.000 dollari, con uno sconto dell’88% sul prezzo attuale.

In seguito all’incidente, PDAX ha chiesto ai suoi clienti di restituire i loro Bitcoin, minacciando azioni legali, come ha riferito il sito di notizie locali Bitpinas.

Secondo l’amministratore delegato dell’exchange, l’errore di sistema non è dovuto a un attacco hacker, ma ad un glitch tecnico causato da un massiccio aumento dell’attività di trading.

Perché è importante: sembra che il guasto iniziale si sia verificato il 18 febbraio; tuttavia, da allora sono emersi sui social media i resoconti di clienti i cui account sulla piattaforma sono stati bloccati e che sono stati invitati a “restituire i loro Bitcoin”.

“Dopo quasi 24 ore, mi hanno inviato una lettera di richiesta e un SMS, chiedendomi di trasferire nuovamente i BTC, oppure ‘potrebbero’ essere costretti a intraprendere azioni legali contro di me”, ha dichiarato un trader che credeva che il suo acquisto rientrasse appieno nei suoi diritti senza violare alcuna legge o regolamento della piattaforma di trading.

Rafael Padilla, un avvocato che rappresenta gli utenti interessati i cui account risultano attualmente bloccati, ha commentato la questione su Facebook.

“La transazione commerciale del nostro cliente è legittima ai sensi delle leggi vigenti, della giurisprudenza e, naturalmente, in base ai termini e alle condizioni/all’accordo per gli utenti di PDAX”.

Secondo Padilla, PDAX ha scelto di impedire agli utenti di accedere ai propri account perché non può annullare unilateralmente le transazioni.

Una dichiarazione ufficiale di PDAX afferma che il 95% degli account è stato ripristinato, ma secondo il rapporto, gli account di molti utenti sono ancora bloccati.

“È più che comprensibile che molti utenti si sentano sconvolti dal fatto di aver potuto acquistare ciò che pensavano fosse un ordine per Bitcoin a prezzi molto bassi; ma sfortunatamente i Bitcoin sottostanti non sono mai stati in possesso dell’exchange, quindi in realtà non c’era nulla da comprare o da vendere, sfortunatamente”, ha chiarito l’amministratore delegato di PDAX Nichel Gaba in una conferenza stampa questa mattina.

Immagine: vjkombajn tramite Pixabay