Apple, stop alla produzione di iMac con SSD da 512GB e 1TB

I due modelli seguiranno lo stesso destino dell’iMac Pro

Apple, stop alla produzione degli iMac da 512 GB e 1 TB

Apple Inc. (NASDAQ:AAPL) non rende più disponibili due configurazioni dell’iMac da 21,5 pollici, una decisione che giunge in seguito alla dismissione dell’iMac Pro da parte del colosso tech.

Cosa è successo: le configurazioni SSD da 512 GB e 1 TB dell’iMac non sono più acquistabili sul sito web di Apple; le uniche alternative ora disponibili per i clienti sono le versioni con SSD da 256 GB e Fusion Drive da 1 TB, secondo un report di MacRumors.

Le opzioni con SSD da 512 GB e da 1 TB non erano più acquistabili già a partire dal mese scorso, ma non era ancora chiaro se l’interruzione fosse dovuta a un problema di fornitura dei componenti o alla dismissione definitiva dei due modelli, secondo il report.

Leggi anche: Apple, nuova linea di iPad in arrivo ad aprile

Perché è importante: la decisione di Apple di dismettere le due configurazioni rafforza l’ipotesi secondo cui entro la fine dell’anno il colosso tech intende sostituire le versioni da 27 e da 21,5 pollici dell’iMac con un iMac completamente riprogettato.

Apple ha introdotto l’iMac Pro nel 2017, ma all’inizio di questo mese ne ha interrotto la produzione dopo il lancio di prodotti più recenti; al momento l’iMac da 27 pollici rivisitato è il modello più popolare fra gli utenti professionali, mentre il Mac Pro, lanciato da Apple nel 2019, figura tra le offerte di fascia alta dell’azienda.

Da quanto emerge, Apple starebbe anche cercando di introdurre una gamma completamente nuova di iMac che saranno alimentati dai chip di silicio Apple di nuova generazione, visto che il colosso tech continua a voler porre l’accento sull’autosufficienza dei componenti per dispositivi, abbandonando i chip realizzati da Intel Corporation (NASDAQ:INTC).

Apple ha già lanciato il MacBook Air, il MacBook Pro e il Mac Mini con i chip M1 di produzione propria.

Movimento dei prezzi: venerdì le azioni Apple hanno chiuso in calo di circa lo 0,5% a 119,99 dollari.

Nessun Articolo da visualizzare